Whatsup

Roberto Gentile, editore, blogger, consulente, head-hunter

Uvet acquisisce il 100% del t.o. torinese Settemari: ma non è tutto oro...

20/02/2017
10:23

La notizia è che Settemari, il t.o. torinese che deve parte delle sue fortune al Mar Rosso (e dunque drammaticamente colpito dalla crisi egiziana), è stato acquisito al 100% dal Gruppo Uvet. “Non c'è uno scambio di carta: Uvet compra Settemari e per farlo utilizza linee di credito proprie e debito bancario” dichiara il presidente Luca Patanè, che glissa sul valore dell’operazione.

Finisce dopo 35 anni l’avventura imprenditoriale del fondatore Mario Roci, uomo solo al comando, che non a caso cede la propria azienda a un Gruppo, testuale, che “ha un leader chiaro, senza tanti soci”. Al generale plauso che l’operazione ha suscitato (sia per il salvataggio di un t.o. storico, che per l’integrazione verticale - ma stavolta guidata dalla distribuzione - che Uvet mette a segno), l’autore di questo blog esprime qualche sommesso dubbio. Quattro, per l’esattezza.

Primo, citando un t.o. che sta andando bene, Quality Group di Torino, il titolare Michele Serra evidenzia: “In realtà, c’era già stato un caso simile con Going/Bluvacanze. Certo, Settemari è un’azienda molto più strutturata e quindi questa è una storia tutta da scrivere”. Sarà, ma passare dalla distribuzione alla produzione è sempre un’incognita.

Secondo, da qualche anno Uvet è impegnata su svariati fronti, non tutti coerenti col core-business, vedi l’operazione incoming dalla Cina con il fondo Zhong Xin Investment, che Patanè racconta così: “I nostri cinesi sembrano un po' come quelli del Milan: hanno pagato un acconto e poi sono spariti. Noi abbiamo profuso un’energia pazzesca nella joint venture, ma il progetto langue e sull’Ebitda 2016 c’è un segno meno”. Mettere troppa carne al fuoco non sempre funziona.

Terzo, se a comprare un t.o. è un altro t.o. (vedi i casi Press Tours e Swan Tour di Alpitour, e Hotelplan/Turisanda di Eden) nessuno si lamenta. Ma se ad acquisire il t.o. è un network, allora le agenzie affiliate - soprattutto se indipendenti - qualche riserva potrebbero nutrirla. Vedasi con quanta cautela Gattinoni sta mettendo in piedi il prodotto in-house, senza praticamente dargli neanche un nome.

Infine, è da qualche anno che Uvet si occupa di prodotto col marchio UvetGO, nel quale hanno lavorato manager esperti come Enzo Carella e Stefano Colombo: la collocazione del tour operating (e quindi presumibilmente di Settemari) nella nuova Direzione Leisure, area dal 2016 presidiata da Piergiulio Donzelli ed Ezio Birondi induce a pensare che finora non siano state rose e fiori.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori