Il target famiglia scopre la meta

di Domenico Palladino
08/11/2010
03:47
Vedi Emirati Arabi; Vedi tutti i dossier di Corto e medio raggio; Vedi tutti i dossier
 

"Il target di chi sceglie Dubai generalmente è di livello abbastanza alto, sia come possibilità economiche che come età": riassume così il pensiero degli agenti di viaggi Claudia Rifoli, addetta alle vendite della Balajò Nova Viaggi di Cesano Maderno, in provincia di Milano.

 

Per una settimana in hotel i costi partono da 1.500 euro a persona, ma ovviamente le variabili in termini di prezzi e servizi cambiano molto a seconda delle esigenze del cliente: "Non tutti vivono Dubai come dovrebbe essere vissuta, cioè girando per gli hotel e scoprendo la città: alcuni pensano che sia una destinazione balneare e quindi preferiscono stare in villaggio e magari fare qualche escursione in città" spiega Veronique Bergel, addetta alle vendite di Destinazione Sole di Ranica (Bergamo).

 

Una soluzione, quest'ultima, scelta soprattutto dalle famiglie con bambini, che cercano nella vacanza relax, mare e animazione su misura, come fa notare la titolare di Naima Viaggi di San Benedetto del Tronto, Manuela Nagni: "Le famiglie chiedono sempre la formula all inclusive dei villaggi, anche per una questione di costi: siamo intorno ai 1.300 euro a persona per una settimana".

 

Eppure qualcosa sta cambiando anche nelle due principali città degli Emirati Arabi, ovvero Dubai e Abu Dhabi: "Riceviamo richieste da parte di famiglie con bimbi al seguito per Dubai città, dove ci sono strutture alberghiere che propongono un buon programma di animazione e miniclub", sentenzia Michele Bellacosa, alla guida di Astrotours di Trani, in provincia di Bari.

 

Emirati in versione stopover

 

"A Dubai l'offerta turistica è molto sviluppata ma dipende da cosa si vuole fare: il mare è bello, ma la spiaggia è a 30 chilometri dal centro. Va meglio per chi vuole stare in città, fare shopping e visitare gli hotel": Francesca Bomben, titolare di Peppatencia Viaggi di Prata di Pordenone, spiega così il successo degli Emirati Arabi sia come meta individuale che come stopover in combinato con altre destinazioni. "Molte coppie in viaggio di nozze scelgono di approfittare di un viaggio alle Maldive o a Mauritius per trascorrere qualche notte a Dubai, approfittando dello stopover dei voli", dice la titolare di Baruffa Viaggi di Buonconvento, provincia di Siena, Carla Parigi, mentre Antonella Chiò, alla guida de I Viaggi di Adm di Alessandria aggiunge: "Noi vendiamo bene gli stopover a Dubai di ritorno dall'India". Insieme all'interesse aumenta anche il numero di chi coglie al volo l'occasione per soddisfare la propria curiosità: "Capita che chi è già stato a Dubai, magari solo per due notti mentre era diretto altrove, decida di tornare negli Emirati scegliendo un weekend lungo ad Abu Dhabi", è il parere di Andrea Roveda, titolare di 1000 Mondi di Pavia. Ma gli adv sono concordi su un punto: si vendono bene Dubai e Abu Dhabi come mete singole o combinati con altri Paesi, ma è ancora presto per un combinato per le sole due città.

 

Data di pubblicazione: 11/10/2010

Vedi Emirati Arabi; Vedi tutti i dossier di Corto e medio raggio; Vedi tutti i dossier

Commenti di Facebook