Il successo dell'Asia

01/12/2015
15:58
Nella destinazione si continua a registrare una spinta alla crescita turistica
Vedi Malesia; Vedi tutti i dossier di Lungo raggio; Vedi tutti i dossier
Leggi anche: Malesia

L’obiettivo è arrivare alla fine quest’anno con 58mila arrivi dall’Italia, anche in assenza di un volo diretto. È questo il target stabilito da Datò Seri Mohamed Nazri Bin Abdul Aziz, ministro del Turismo malese.

L’obiettivo a livello globale, invece, è quello di raggiungere i 29,4 milioni di arrivi internazionali, e i 21 miliardi di euro di entrate turistiche. Un traguardo ampiamente raggiungibile, almeno a giudicare dalla fittissima serie di investimenti alberghieri che si stanno concentrando sulle diverse aree turistiche del Paese.

Nella sola area di Kuala Lumpur, fra la grande città e la capitale amministrativa, Putrajaya, entro il 2018 verranno realizzate 4mila nuove camere tutte appartenenti a brand upscale e upper scale. Si va da Hilton Garden Inn fino agli Sheraton Four Points, dal W Hotel al Raffles fino al St. Regis e al Marriott.

La maggior parte degli investimenti, in particolare quelli relativi ai brand up scale, sono concentrati nell’area di Kuala Lumpur, ma anche Penang e Kota Kinabalu, nel Sabah, saranno teatro di una intensa crescita dell’hôtellerie.

Gli obiettivi per il turismo, fissati al 2020, sono quelli di raggiungere i 36 milioni di arrivi internazionali. Per questo le attività promozionali si stanno moltiplicando, così come si stanno diversificando i prodotti e ampliando i tipi di intervento. Fra i principali, una partnership globale stretta da Tourism Malaysia con Etihad Airways, che prevede la realizzazione di una serie di attività di marketing comuni fra il vettore e l’ente del turismo.

Le azioni promozionali saranno rivolte ai principali mercati da cui provengono i turisti che visitano la Malesia, come Stati Uniti, Europa (Gran Bretagna, Germania, Francia e Italia) e Medioriente (Emirati Arabi, Arabia Saudita, Egitto, Oman, Bahrain, Qatar e Kuwait).

Accanto al sostegno di Etihad, la Malesia registra la ripartenza, dopo il terribile 2014, di Malaysia Airlines, che proprio nei giorni scorsi, all’interno del piano di ristrutturazione della compagnia, ha lanciato il nuovo brand Malaysia Airlines Berhad. “È un’opportunità per ricominciare senza pregiudizi - ha commentato l’amministratore delegato del nuovo vettore, Christoph Mueller - con una nuova entità, un nuovo management, persino nuovi sedili”.

Vedi Malesia; Vedi tutti i dossier di Lungo raggio; Vedi tutti i dossier Leggi anche: Malesia

Commenti di Facebook