Il Perù gioca la carta cultura

16/10/2012
11:34
Vedi Sud America; Vedi tutti i dossier di Lungo raggio; Vedi tutti i dossier
Leggi anche: Sud America

Cavallo vincente non si cambia. Agli italiani piace la cultura del Perù, ed è proprio questo l’atout su cui si fonda la strategia promozionale dell’ente per i prossimi mesi.

“I dati di un’indagine che abbiamo condotto lo scorso anno sulle preferenze dei turisti italiani - spiega Cecilia Salazar, coordinatore europeo di PromPerú - mostrano che il 62 per cento degli intervistati era al suo primo viaggio nel Paese e, durante il soggiorno, ha prediletto visite di tipo culturale nel 96 per cento dei casi, con particolare attenzione per chiese, siti archeologici e musei”.

PromPerù ha dunque deciso di calcare la mano su questo aspetto, concentrandosi su itinerari nuovi da proporre al nostro mercato. “È il caso - sostiene Salazar - della Ruta Moche, un percorso storico-archeologico che si sviluppa nel Nord del Paese tra le città di Trujillo e Chiclayo alla scoperta della civiltà Mo, che gli archeologi hanno recentemente portato alla luce”.

I nuovi prodotti natura e le attrattive culturali fanno da traino principale: sul secondo gradino del podio si conferma l’offerta naturalistica, scelta, secondo l’indagine di PromPerù, dal 56 per cento degli italiani. “Su questo fronte intendiamo promuovere, come novità, Iquitos nel dipartimento di Loreto, punto di arrivo principale per visitare la Foresta Amazzonica del Nord e scoprire l’incredibile biodiversità del Perù”. Tra le opzioni le crociere sul fiume o i soggiorni nei lodge di lusso immersi nella natura. Un tipo di vacanza che ben si adatta alle esigenze dell’up market, il target preferenziale dell’ente. “Il lusso e l’esclusività restano i focus principali delle azioni di promozione previste sul mercato italiano per la prossima stagione - conferma Salazar -. L’obiettivo è di far conoscere l’offerta up level delle principali catene alberghiere che, in Perú, si stanno adoperando per accogliere, in maniera efficace, un turismo di alto livello”.

Prodotto nozze

Strutture indicate in modo particolare agli honeymooner, ai quali PromPerù si propone con idee di soggiorno all’insegna della cultura e del relax. “La Terra degli Inca - aggiunge Salazar - è meta ideale per un viaggio di nozze davvero esclusivo, perché il Paese propone storia, archeologia, natura, ma anche una gastronomia di altissimo livello e spiagge da sogno”.

Un’offerta molteplice che i nostri connazionali sembrano gradire molto, come confermano le cifre del primo semestre, che parlano di un incremento di 9 punti percentuali per un totale di 21.122 arrivi. “Il risultato è di rilievo - commenta Salazar - e conferma il mercato italiano tra quelli prioritari per PromPerú, in costante crescita e affermazione negli ultimi sette anni. Peraltro dobbiamo tener presente che, a questi numeri, mancano ancora quelli relativi al secondo semestre dell’anno in corso, tra cui i mesi di luglio e agosto, periodo importante per l’inbound dalla Penisola”.

Il 2011 si è concluso a quota 45.192 italiani contro i 41.831 dell’anno prima, per un incremento di 8 punti. Con queste cifre il nostro Paese si posiziona stabilmente al quinto posto a livello europeo nella classifica dei mercati emissori.

Vedi Sud America; Vedi tutti i dossier di Lungo raggio; Vedi tutti i dossier Leggi anche: Sud America

Commenti di Facebook