Tra honeymooner e repeater

20/11/2012
15:09
Vedi Sud Pacifico; Vedi tutti i dossier di Lungo raggio; Vedi tutti i dossier
Leggi anche: polinesia, Fiji, Sud Pacifico

Un target da riconquistare ogni anno e da consolidare attraverso iniziative mirate.

Sono gli honeymooner, linfa vitale per la Polinesia Francese, dal momento che rappresentano il 63 per cento degli arrivi totali dal nostro Paese.

"Tra le attività più efficaci - specifica l’ente - il piano di e-learning Tiare Tahiti Program, che lo scorso anno è stato integrato di moduli tematici, uno dei quali dedicato proprio ai viaggi di nozze in Polinesia francese. La sezione conta 214 agenti iscritti".

Altro segmento con un interessante potenziale è quello dei repeater, che ad oggi rappresenta il 4,5 per cento degli arrivi. Come evidenziato dai risultati del sondaggio dell’ente, che monitora il livello di soddisfazione post-viaggio e che ha coinvolto un campione di 325 turisti che hanno visitato la Polinesia Francese, il 93 per cento sarebbe propenso a ripetere l’esperienza di viaggio, valutata dall’88 per cento degli intervistati con il massimo dei voti (9 e 10) in una scala da 1 a 10.

Obiettivo prioritario dell’ente è supportare gli arrivi in bassa stagione, incluso il periodo di Natale e Capodanno, che non è tra i più gettonati dai viaggiatori italiani nonostante le condizioni climatiche favorevoli, le tariffe vantaggiose e una maggiore disponibilità alberghiera.

Per lavorare su questa stagione, presto sarà online il flight autunnale della campagna di Tahiti Tourisme che darà visibilità alle migliori proposte dei tour operator per la stagione invernale, supportata da un’incentivazione alle vendite rivolta ai Tiare Agent. Da gennaio a luglio 2012 gli arrivi dall’Italia in Polinesia francese sono 4.039 per un totale di 44.523 overnight.

I viaggi a destinazione unica e i circuiti che abbinano la visita di Tahiti e le sue isole ad altre mete si contendono al 50 per cento lo share dei visitatori. La durata media del soggiorno è di 11 giorni. Con 10.471 arrivi nel 2011 l’Italia si conferma secondo mercato a livello europeo per la Polinesia francese e quarto a livello mondiale.

Per il 2012 si prevede una chiusura d’anno di circa 9.900 passeggeri.

Vedi Sud Pacifico; Vedi tutti i dossier di Lungo raggio; Vedi tutti i dossier Leggi anche: polinesia, Fiji, Sud Pacifico

Commenti di Facebook