Mille e una buone ragioni

04/02/2019
15:45
Il parere di Rocco Talia, product manager Sud-Est Asia di Viaggidea
Vedi Asia-Triangolo d'Oro; Vedi tutti i dossier di Lungo raggio; Vedi tutti i dossier
 

Il silenzio della Cambogia, il mistero del Laos, la storia e le tradizioni popolari del Vietnam. Rocco Talia, product manager Sud-Est Asia di Viaggidea, elenca questi fra i mille e un motivo per cui vale la pena indirizzare i clienti alla scoperta di queste terre.
E se ancora non basta, aggiunge Talia, “in Vietnam c’è la baia di Halong, che è considerata l’ottava meraviglia del mondo; in Cambogia Angkor, la più estesa area archeologica del globo e in Laos Luang Prabang, che per la straordinaria ricchezza di capolavori di architettura buddista è stata dichiarata patrimonio dell’Umanità dall’Unesco”.

Senza contare le esperienze suggestive e particolari che l’operatore mette a disposizione, dal caffè vietnamita lungo il lago centrale di Hanoi alla lezione di Tai Chi ad Hoi An fino alle Cinque Montagne di Marmo, sempre in Vietnam. E ancora, la visita alle case costruite su piattaforma galleggianti lungo il Grande Lago in Cambogia, e, sempre nel Paese, i santuari di Sambor Prei Kuk e Kuk Nokor, meno affollati della famosissima Angkor.
Per finire, niente di meglio di un brindisi con il lao-lao, il liquore tipico del Laos appena distillato nei villaggi lungo il Mekong.

Vedi Asia-Triangolo d'Oro; Vedi tutti i dossier di Lungo raggio; Vedi tutti i dossier

Commenti di Facebook