Un duello tutto europeo

di Admin
21/09/2009
00:00
Vedi Treni; Vedi tutti i dossier di Trasporti; Vedi tutti i dossier
 

L'alta velocità sta cambiando i rapporti di forza tra l'aereo e il treno in molti Paesi europei. Un trend ormai marcato che negli ultimi tempi ha coinvolto anche il mercato nazionale, limitatamente (per ora) alla tratta Milano-Roma, dove è operativo il Frecciarossa. "Abbiamo sottratto più del 40 per cento di traffico ad Alitalia - afferma Mauro Moretti, amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato - e stiamo andando verso il 50 per cento. L'obiettivo è di arrivare a trasportare il 60 per cento dei viaggiatori tra le due città".

Un servizio, quello della Tav, che ha già fatto cambiare molte abitudini di viaggio ai francesi, agli spagnoli, ai tedeschi e, grazie all'Eurotunnel, ora anche agli inglesi.

"L'Ave Madrid-Barcellona nel suo primo anno di attività ha registrato 5,8 milioni di passeggeri, raggiungendo il 48,2 per cento del traffico tra le due città" spiega il segretario di Stato alle Infrastrutture spagnolo Josefina Cruz. Un trend che ebbe inizio in Francia più di 25 anni fa con il lancio del Tgv sulla tratta Parigi-Lione: un servizio che ha portato lo scorso anno le ferrovie francesi (Sncf) a toccare un totale di 128 milioni di passeggeri, con un più 9 per cento sul 2007. Un risultato notevole, ottenuto "malgrado la crisi economica e i problemi dell'Eurotunnel" precisa il direttore generale Viaggiatori Francia ed Europa di Sncf Mireille Faugère. L'Eurotunnel, intanto, proprio quest'anno annuncia dividendi per i suoi azionisti, per la prima volta nella storia, grazie soprattutto all'alta velocità che ha portato i viaggiatori tra Londra e Parigi a scegliere il treno per il 70 per cento dei casi. Percentuali simili, se non maggiori, anche tra alcune città francesi e tedesche, soprattutto su rotte inferiori alle 2 ore.

Un boom generale che ha indotto alcuni vettori a 'operare' anche su rotaia, come ha deciso di fare Virgin Train in Inghilterra o come farà Air France con Veolia in Francia. Già vi sono collaborazioni in atto tra TuiFly e Lufthansa con Deutsche Bahn, che ha anche annunciato il suo sbarco in Italia, quando nel 2011 entrerà in vigore la liberalizzazione. Tutti progetti messi in campo per cercare di contrastare quello che si annuncia come il vero soggetto forte, ovvero Trenitalia. Sempre che lo scenario del prossimo biennio non imponga delle modifiche in corso d'opera per rispondere alle esigenze di un mercato che si mantiene in continua evoluzione.

Vedi Treni; Vedi tutti i dossier di Trasporti; Vedi tutti i dossier

Commenti di Facebook