Il pellegrino e il viaggiatore

24/09/2019
10:08
Unire alla ricerca spirituale sollecitazioni culturali: sono le esigenze dei nuovi viaggiatori
Vedi Turismo religioso; Vedi tutti i dossier di Vacanze Tematiche; Vedi tutti i dossier
Leggi anche: turismo religioso

Sopra i cinquant’anni, tende a tenere sotto controllo i costi, ma desidera i comfort di un servizio di buon livello. Non si muove in grandi gruppi e, dell’esperienza, apprezza sempre di più la dimensione individuale rispetto a quella comunitaria. Quando poi la destinazione lo consente, è interessato a conoscere la cultura dei luoghi che attraversa entrando anche in contatto con le altre fedi.

È il turista religioso, profilo a cui guardano con attenzione diversi operatori della Penisola che per questo tipo di viaggiatore mettono a punto programmazioni ad hoc che, senza correre dietro a mode o a tendenze passeggere, sono in continua evoluzione.

“Rispetto al passato si è un po’ perso il senso del gruppo - sottolinea Sara Rusconi, responsabile reparto pellegrinaggi e gruppi di Rusconi Viaggi -. Dalle parrocchie non si parte più riempiendo pullman interi da 50/60 posti. La maggior parte delle richieste che arrivano sono individuali che poi noi aggreghiamo”.

Simile l’esperienza di Silvano Mezzenzana, vicepresidente di Duomo Viaggi. “È sicuramente più presente l’attenzione al singolo. Una dimensione che si sposa con una spiritualità più intima e profonda, ma anche con una maggiore richiesta di quei pellegrinaggi che, come i Cammini, si fanno da soli o in piccola compagnia”.

Ma a cambiare sono anche, per Barbara Chiodi, direttore di Brevivet, i contenuti stessi del viaggio. “Si pone sempre più attenzione ai contenuti biblici e pastorali. Sia nei santuari mariani che nei luoghi della fede bisogna sempre porre molta cura al particolare per non deludere le aspettative del fedele”. Il quale, malgrado non sia disposto a spendere cifre da capogiro, è comunque alla ricerca di soluzioni confortevoli.

“Trattandosi spesso di viaggi impegnativi, ricchi di visite e camminate, si tende a scegliere sistemazioni comode, ma non di lusso” evidenzia Rusconi. Quando è possibile si cerca poi di privilegiare le strutture che, a vario titolo, sono riconducibili alla Chiesa. “In Terra Santa ci rivolgiamo di solito alle pensioni gestite dai francescani o dalla comunità cristiana locale e in ogni caso - aggiunge Mezzenzana - cerchiamo sempre di avere un interlocutore della Chiesa”.
Ma se i pellegrinaggi nei grandi santuari mariani d’Europa lasciano poco spazio all’approfondimento culturale, è nei luoghi devozionali in Medio Oriente che quest’aspetto acquista rilevanza. “A Lourdes - osserva Rusconi - si va esclusivamente per pregare, mentre in destinazioni come l’Armenia, il Libano e la Giordania biblica, si riesce più facilmente a fondere l’aspetto spirituale con l’approfondimento archeologico”.

Gli sforzi degli operatori vanno anche verso una maggiore connotazione interconfessionale dell’esperienza. “Da un paio di anni - interviene Chiodi - abbiamo introdotto un nuovo segmento Cultura e Religione che, appunto, vuole spingere i nostri viaggiatori alla scoperta delle radici delle culture religiose”.
Amina D’Addario

Vedi Turismo religioso; Vedi tutti i dossier di Vacanze Tematiche; Vedi tutti i dossier Leggi anche: turismo religioso

Commenti di Facebook