Le destinazioni turistiche
che faranno tendenza
nel 2023: turismo attivo,
natura e benessere
 
Il nuovo studio di Mabrian che rivela la top 10 delle destinazioni turistiche che si distingueranno nel 2023 per il loro posizionamento in termini di offerta turistica, connettività e ricettività.
 
 
Per iniziare l’anno abbiamo realizzato uno studio che rivela la top 10 delle destinazioni turistiche che si distingueranno nel 2023 per il loro posizionamento in termini di offerta turistica, connettività e ricettività.

Il 2022 sarà ricordato come l'anno della ripresa del turismo per molte delle destinazioni più tradizionali in Europa, Caraibi e Medio Oriente. La domanda di viaggio si è confermata intatta in attesa della rimozione delle restrizioni alla mobilità.
Tuttavia, le motivazioni e gli interessi dei viaggiatori in questa rinascita turistica hanno subito cambiamenti strutturali che hanno influenzato le tendenze e che probabilmente continueranno in futuro.

Abbiamo analizzato l'evoluzione globale degli interessi turistici basandoci sui milioni di interazioni spontanee dei viaggiatori registrate su TripAdvisor, il portale di viaggi e attività turistiche più grande del mondo. Questa analisi mostra come l'interesse per le attività turistiche legate alla natura, al turismo attivo e al benessere sia chiaramente aumentato di importanza dal 2019, in una tendenza che sembra destinata a continuare a crescere.

Così, prodotti turistici rilevanti come spiagge e sole e le attività culturali, pur rimanendo importanti, stanno cedendo il passo a queste nuove attività.





Dopo aver confermato questa tendenza globale, qui a Mabrian abbiamo rivelato quali sono le destinazioni del mondo meglio posizionate per poter essere in voga nel 2023 grazie al loro mix di prodotti turistici, alla connettività aerea e all'offerta alberghiera.

Sono state analizzate più di 700 destinazioni in tutto il mondo, individuando le top 10 destinazioni turistiche che offrono il miglior equilibrio tra diversi fattori: l'importanza della loro offerta di prodotti di turismo attivo, natura e benessere, la crescita delle nuove rotte aeree e dei posti aerei in arrivo per il prossimo anno e il prezzo medio delle sistemazioni alberghiere per i prossimi mesi.





In cima alla classifica c'è Bali, in Indonesia. Quest'isola paradisiaca si distingue per l'offerta di un'ampia gamma di attività legate al turismo attivo, naturalistico e del benessere, oltre che per l'eccellente evoluzione della sua connettività aerea entro il 2023: 45% in più di nuove rotte e un aumento del 115% dei posti aerei in arrivo. Inoltre, Bali offre un prezzo medio di alloggio in hotel molto competitivo per i prossimi mesi.

Al secondo posto c'è Creta, l'isola più grande della Grecia, un Paese che ha battuto i record del turismo nel 2022, nonostante l'assenza dei turisti russi, che erano uno dei mercati principali. Nonostante sia una destinazione prevalentemente estiva con un'alta rilevanza del prodotto spiagge e sole, Creta concentra il 57% delle menzioni turistiche su attività di turismo attivo, naturale o di benessere. Inoltre, la destinazione mostra un aumento del 17% della capacità rispetto allo scorso anno, sia per le rotte nazionali che per quelle internazionali. Per quanto riguarda l'offerta ricettiva, è la seconda destinazione con i prezzi medi degli hotel più competitivi per i prossimi mesi.

Al terzo posto incontriamo l’Algarve, situato nel sud del Portogallo, con un interessante mix di prodotti turistici, prezzi di strutture ricettive molto competitivi e un significativo aumento della connettività aerea.

Vale la pena menzionare anche Antalya, nel sud della Turchia, per essere la destinazione con i prezzi alberghieri più bassi tra tutte quelle selezionate, oltre a mostrare un aumento di oltre il 20% della connettività aerea entro il 2023, rispetto all'anno precedente.

Va notato come due delle top 10, che si distingueranno nel 2023, si trovino in Italia ed in Francia mentre nessuna destinazione spagnola si trova in questa lista. Ciò è dovuto al fatto che il protagonismo dei prodotti del turismo attivo, naturale e del benessere in Spagna si aggira in generale intorno al 30%, al di sotto della quota di questi prodotti in altri paesi concorrenti.

Quest’analisi sottolinea che è essenziale per le destinazioni individuare le nuove tendenze globali dei viaggiatori in modo agile, lavorando per offrire un'offerta turistica il più possibile diversificata e in linea con le nuove tendenze. L'elevata dipendenza da prodotti turistici specifici causa inefficienze legate ad alcuni mercati di origine e a modelli di stagionalità elevati. Questi fattori sono di grande importanza quando si tratta di promuovere la sostenibilità della destinazione. Ecco perché qui a Mabrian, aiutiamo le destinazioni di tutto il mondo a misurare e monitorare questi indicatori, così come molte altre metriche relative alla sostenibilità del turismo, attraverso i nostri servizi di Tourism Intelligence.

Contattaci