Stagione verso il tutto esaurito

30/11/2015
12:01
Leggi anche: Spagna

Un buon termometro dell’andamento della stagione in Spagna è quello delle agenzie di viaggi. “Diciamo così: iniziamo a non trovare più posto - spiega Nicola Rossi, addetto vendite e commerciale di Montegrappa Viaggi a Bassano del Grappa (Vicenza) -. È quasi tutto pieno e le tariffe sono sostenute”.

Gran parte del successo è sicuramente dovuto a meriti propri. La Spagna, soprattutto le Baleari, d’estate la fanno da padrone nei sogni vacanzieri degli italiani. Ma sicuramente la mancanza di un’alternativa, con lo stop della Tunisia e il forte rallentamento sull’Egitto, stanno dando una mano al prodotto, tanto che le agenzie segnalano l’inizio di un’estate particolarmente calda. “Sicuramente c’è poco prodotto rispetto alle richieste” conferma Roberta Marastoni, addetta vendite di Bluvacanze a Carugate (Milano).

Un tema consueto
Le richieste ci sono, e sono molte, ma si arrestano spesso davanti al preventivo, se non prima. “Io per fare un preventivo chiedo una fee - spiega Enrico Caruso, titolare de La Coccinella Viaggi a Roma -. Dobbiamo dare valore a quello che facciamo. E poiché il cliente si aspetta di trovare prezzi più bassi di quelli che realmente sono sul mercato, il preventivo spesso è soltanto molto lavoro per noi senza nessun ritorno”.

In effetti, la tendenza almeno in questi mesi sembra essere quella evidenziata da Rossi. “Le richieste ci sono e sono molte - dice Elisabetta Diamantese titolare di Lo Scopritour a Pont Saint Martin (Aosta) - ma le prenotazioni stentano. Soprattutto le famiglie trovano che le tariffe del classico pacchetto villaggio sono troppo alte per le loro tasche”.

Il tema prezzi è sempre più determinante nelle scelte dei clienti. “Le tariffe dei t.o. italiani sono decisamente fuori mercato - dice senza mezzi termini Patrizia Berto, titolare di Summer Beach Europe di Milano -. Se si prenota in altri stati della Ue si risparmia”.

Soluzioni d’agenzia
Ecco che emerge sulle mete dell’estate, in particolare per la Spagna, la tendenza alla costruzione dei pacchetti in agenzia. “Oltre al risparmio per il cliente - dice Manuela Bellin, addetta vendite di Amarganta Viaggi di Torino - realizzare un pacchetto in proprio ci consente di guadagnare qualcosa in più anche sulle pratiche mare”. Senza contare che assemblare volo, trasfer e hotel consente di realizzare pacchetti più flessibili, per i quali le agenzie registrano un’alta richiesta.

“Rotazioni charter sui 10 giorni non ce ne sono, oppure sono pochissime - spiega Andrea Cisamolo, titolare di A Class Travel a Rivoli -. Così ci muoviamo noi: ci assicuriamo un po’ più di guadagno e di flessibilità per il cliente”.

Leggi anche: Spagna

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook