Hôtellerie, ecco come cambia

17/05/2018
12:53
Restyling di grandi classici e nuove aperture
 

Una stagione di novità nel ricettivo per l’isola di Mauritius: molte le strutture storiche che si sono rifatte il look, accanto ad alcune nuove aperture che andranno a potenziare l’offerta di strutture, già di alto livello qualitativo.

Il 2017 ha visto la ristrutturazione del Constance Belle Mare Plage, un restyling durato sei settimane che ha mostrato il suo volto nel corso della stagione invernale: sono stati riprogettati i ristoranti ed è stata rinnovata la U spa. Inoltre, la presidential suite è stata demolita per lasciare spazio a un’esperienza ancora più lussuosa, la presidential villa con 852 metri quadri di superficie per 5 camere da letto e due piscine, mentre è stato ristrutturato The legend golf course, uno dei campi principali di Mauritius.

A soli 10 minuti dal Belle Mare, Constance ha dato vita al C Palmar, C Hotels by Constance, il primo resort del sister brand che si focalizza su un lusso autentico ed essenziale, con una formula premium all inclusive e 52 prestige room.
Un deciso restauro ha subito anche il boutique hotel La Palmeraie, situato ad Est nell’area di Belle Mare, che ha portato a un completo rinnovamento della struttura.
Sempre nel 2017 ha riaperto una delle strutture iconiche dell’isola, il Canonnier Beachcomber Golf Resort & Spa, che ha rivisitato le camere e gli spazi comuni nell’ottica di un investimento nel restyling delle strutture, nel lancio di nuovi servizi e nell’offerta di nuovi prodotti. Il Canonnier oggi presenta una nuova tipologia di camere, la Deluxe Sea Facing Room, il completo rifacimento dei tre ristoranti, ma anche un giardino tropicale di sette ettari curati dalla designer paesaggistica a cui sono affidati tutti i giardini degli hotel del gruppo. E poi ancora nuove piscine, un 18 buche a poco distanza dal resort e un kid club gratuito per i bambini dai 3 ai 12 anni.

Ristrutturazione anche per il Beachcomber Victoria Resort & Spa, che ha inaugurato un’area adult only e 40 nuove camere ‘swim-up rooms’, con accesso diretto alla nuova piscina. Sempre in casa Beachcomber, nel 2019 sarà la volta del Paradis, che ha in progetto il rinnovamento di tutte le ville, pur senza prevedere un periodo di chiusura.

Sempre per l’inverno 2019, con apertura nel settembre di quest’anno, è previsto il makeover di La Pointe aux Canonniers, il villaggio firmato Club Med che punta a rendere il resort un punto di riferimento per le famiglie. Il Med di Mauritius si configurerà come un 4 Tridenti con 96 camere superior comunicanti, una family pool, un restyling del ristorante principale e un investimento per la risistemazione del ristorante collocato sulla spiaggia.
Fra i progetti in corso d’opera, una nuova apertura sotto il marchio Beachcomber, prevista per il 2020. Si tratta di un resort che avrà circa 300 camere e sarà collocato nell’area de Les Salines, con un livello 4 stelle. Pochi i dettagli disponibili, se non che la struttura sarà collocata a Nord dell’isola e avrà a disposizione un’area molto vasta di parco e spiaggia per i turisti.

Alla fine del 2018, anche LUX* ha in mente una nuova apertura:  la catena ha appena firmato la gestione di una struttura a Mauritius che chiuderà a breve, per riaprire dopo ristrutturazione a novembre. Per LUX* si tratta di un ritorno a casa, visto che la catena ha sede sull’isola, dove possiede 5 resort e un’isola privata, l’Ile del Deux Cocos nell’area marina protetta di Blue Bay.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook