Parte il rilancio del Lido di Venezia con la riqualificazione del Grand Hotel Excelsior

11/05/2017
19:30
 

Ha riaperto ad aprile 2017, ma sta per partire la sua riqualificazione. Si tratta del Grand Hotel Excelsior del Lido di Venezia, che insieme all’Hotel Des Bains, a Palazzo Marconi, alle concessioni sulle spiagge e ai beni ancillari dei due alberghi, è entrato all’interno del Fondo ‘Lido di Venezia II’, nato il 9 maggio scorso grazie a Coima Sgr, società di gestione patrimoniale di fondi di investimento immobiliare per conto di investitori istituzionali italiani e internazionali.

Pubblicità

All’interno del fondo sono presenti anche i quotisti storici del progetto riuniti nell’ambito del fondo originario, tra cui la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo ed il Fondo pensione per il Personale dell’ex Banca di Roma, London & Regional Properties Group, Coima Sgr. Il supporto finanziario per l’operazione è arrivato da Intesa Sanpaolo e UniCredit.  

Il Grand Hotel Excelsior è ora gestito da London & Regional Properties: le operazioni di riqualificazione prevedono, dopo gli interventi già eseguiti nel corso dello scorso inverno al fine di predisporre l’hotel per la riapertura della stagione 2017, l’avvio della progettazione degli interventi necessari e quindi l’avvio dei lavori che si svolgeranno mantenendo la regolare apertura stagionale. Il progetto verrà composto nel rispetto della tradizione e vocazione storica degli alberghi con l’obiettivo di contribuire a un progetto di qualità di recupero di un patrimonio veneziano e italiano di valore.

“L’accordo raggiunto con Intesa Sanpaolo, UniCredit e London + Regional Properties – spiega Manfredi Catella, fondatore e amministratore delegato di Coima Sgr - rappresenta un primo risultato determinante nell’avvio della riqualificazione del Lido di Venezia, in collaborazione con le istituzioni cittadine e con la comunità. La rigenerazione del Lido di Venezia può rappresentare un importante progetto pilota nel turismo per l’Italia.”


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook