Il sole di Svevia

Salvatore Miano, Agenzia Mianotour, Barcellona Pozzo di Gotto, Messina

La Crociera di Sant’Antonio, Msc e gli agenti di viaggi

27/11/2012
09:31
Leggi anche: Crociere, Msc, agenzie di viaggi

Sul ponte sventola bandiera panamense, ma il Gps dice che ci troviamo ormeggiati sullo stretto di Messina, assisi in un magnifico salone della Msc Splendida dove un nutrito gruppo di agenti di viaggi siciliani attende la visita di un napoletano che di nome fa Massa, ma non c’è, ci si scusa è a Ginevra.

Tema dell’incontro l’anno commerciale appena passato, la programmazione di Msc per l’anno che verrà ed una analisi sulla situazione attuale.

Spicca un dato tra tutti, -14 per cento del comparto leisure, - 1 per cento del comparto crociere, queste ultime hanno tenuto malgrado la crisi, si, ma dico io, a che prezzo.

Ho notato che molti clienti crocieristi sono scomparsi, che i prezzi bassi hanno orientato verso il prodotto clienti non crocieristi, solitamente i clienti tipici del mare Italia, c’è stato quindi un slide walk di segmenti di clientela verso il basso, mettendo nel basso le crociere e nell’alto la ricettività alberghiera italiana, e questo non mi piace, li voglio prodotti alternativi e complementari, magari concorrenti, ma non segmentati così.

Una promessa, i prezzi saliranno di nuovo, ci tengono a dirlo i nostri ospiti, mentre una cameriera, forse rumena, ci offre su un vassoio canape innominabili (nel senso che nessuno sa come si chiamano), ma è necessario un cambiamento nell’approccio al business da parte degli agenti di viaggio.

Gelo nell’assemblea, la sferzata è diretta, qualche collega prova a rimproverare il commerciale, lì presente, sulle tariffe basse, sulla non redditività del prodotto, e dall’altra parte la risposta è.... sei tu che non cambi.. ancora gelo, ci manca un certo comico genovese che esce dal palco e fà .. “siete tutti morti!!!!!”

Ma dentro quella domanda, “siete pronti al cambiamento”, si cela un’altra domanda, e un chiaro messaggio, “avete capito che dovete imparare ad essere imprenditori?”, il messaggio è che bisogna essere anche creativi, propositivi, inventarsi formule nuove e stimolanti per attrarre nuova clientela, perché quella che c’è non basta più.

E viene fuori la storia dei pezzi di un portoghese, finto italiano, che sono andati a spasso in crociera con un seguito di pellegrini, e si, la crociera di Sant’Antonio da Padova, che non so chi si è inventato, con tanto di reliquie del Santo, e di convegni sul tema, ed ha sfondato, è stata un successo enorme.

Giuro che stavo per piegarmi in due dalle risate, questa non si poteva sentire, portare Sant’Antonino (dalle mie parti si chiama così, non so nel resto d’Italia) in crociera è, in maniera inversa, come portare Bocca di Rosa in processione, e l’obolo dove lo mettiamo nella slot machine?!?

Eppure, l’idea non è malsana, anche se lo stomaco mi ribolle, se mi spoglio di quel poco che mi resta di cattolico credente e non praticante, fare business anche così non è male, ho clienti che vogliono il 4**** con sauna e idromassaggio a San Giovanni Rotondo, perché non creare un pellegrinaggio in crociera, un’idea come un’altra.

L’importante è introdurre novità, creatività, soluzioni prima impensabili, magari il Santo dall’empireo ci sorride su, a me è stato sempre simpatico e forse qualcuno degli intervenuti in crociera lo converte pure (stavolta sul serio).

Viva Sant’Antonino!!!!

Leggi anche: Crociere, Msc, agenzie di viaggi

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori