Pardini, Windows on Italy: "Ecco chi sono i nostri big spender"

di Stefania Galvan
02/02/2017
11:38
 

Il sogno italiano conquista gli americani big spender, “e quello che più ci lusinga è il loro desiderio di scoprire e comprendere la nostra cultura”. A scattare un fermo immagine del lusso a stelle e strisce è Nicola Pardini, ceo di Windows on Italy (nella foto), la società specializzata nell’offerta di ville, appartamenti e palazzi di lusso in tutta Italia.

Pubblicità

In Toscana 250 ville in portfolio
Un’offerta particolarmente ricca per la Toscana, dove il player mette a disposizione 250 ville. “È soprattutto in questa regione che vogliono stare gli americani - spiega Pardini - ed è da questo territorio che vogliono trarre esperienze da ricordare”.

Rispetto agli europei, che prediligono il relax a bordo piscina, gli americani “sono ansiosi di riempire la loro agenda di attività: vogliono imparare a cucinare italiano, assaggiare i nostri vini, ma anche visitare i musei, andare a un concerto di Bocelli e noleggiare Ferrari o le storiche Vespa, magari per andare a fare la spesa in un mercatino locale”.

E per mettere nel loro album dei ricordi una collezione di esperienze uniche non badano a spese: “Si fermano in Italia in media 15 giorni - sottolinea il ceo - e possono arrivare a spendere, per una villa, anche 40 o 50mila euro per una settimana. Cercano non solo l’esclusività del luogo, ma anche la perfezione dell’organizzazione e la qualità dei servizi: non vogliono avere alcun tipo di sorpresa”.

Fatturato a più 20 per cento
Windows on Italy ha chiuso il 2016 con un fatturato in crescita del 20% sull'anno precedente: “L’occupazione media delle ville in alta stagione è dell'85%, dunque un ottimo dato, ma anche con un bel margine di crescita”. Per quest’anno, infatti, le aspettative sono di migliorare le performance di un ulteriore 15%. La clientela anglosassone rappresenta il 45% del totale: principati mercati, oltre all’americano, sono il britannico e l’australiano.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook