Carinzia, tornano gli italiani ma resta il problema dei collegamenti sul Centro-Sud

di Mario d'Arrigo
14/11/2017
21:00
 

"Dopo un paio d'anni di calma piatta, il mercato italiano in questo 2017 è tornato a crescere in Carinzia". Lo afferma soddisfatta Elke Maidic, dell'Ente regionale del Land austriaco.

Pubblicità

"In agosto abbiamo toccato un +8% nelle presenze degli italiani, ed anche settembre ha fatto registrare un +6,5%". Complice una campagna ad hoc su Internet, che ha portato in pochi giorni a ricevere oltre 3.500 richieste di informazioni.

"Una iniziativa studiata e messa in opera con la collaborazione di Austria Turismo - dice ancora Maidic - per un impegno economico vicino ai 400mila euro". Le aree di provenienza sono sempre il Nord-Est d'Italia, il Veneto e in generale le regioni settentrionali. "È stata realizzata anche una campagna promo sugli autobus di linea nelle città del Centro-Nord Italia - ricorda ancora -, ma il problema maggiore sono i collegamenti con le località del centro penisola".

Infatti, non vi sono treni diretti su Villaco o Klagenfurt, in aereo da Roma si deve volare su Vienna e poi puntare in qualche modo verso la Carinzia. "Purtroppo - conclude Maidic - la mancanza di collegamenti diretti limita l'afflusso di italiani dalle regioni del centro sud Italia".


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook