Enrico Laghi
su Alitalia: "Partner
non low cost"

23/05/2017
12:01
Leggi anche: Alitalia

La priorità per il nuovo socio di Alitalia viene data a vettori europei o extraeuropei, meglio se non low cost. E sul fronte operativo bisognerà decidere se e come ampliare il network, a lungo o a corto raggio che sia.

Pubblicità

Enrico Laghi (nella foto a sinistra), uno dei tre commissari che da meno di un mese sta gestendo la compagnia in amministrazione straordinaria insieme a Luigi Gubitosi (al centro) e Stefano Paleari (a destra), traccia il futuro ideale di Alitalia.

L'identikit del nuovo partner
Lo fa in una lunga intervista rilasciata a La Stampa a e pubblicata stamani, e individua chiaramente la necessità di trovare un nuovo azionista: la priorità però non viene data ai player low cost, che comunque non nascondono l’interesse per la compagnia, e che dal commissario Laghi vengono identificati come un possibile soggetto da “integrare o combinare, magari a livello commerciale. Ovviamente, sul piano teorico”.

E sempre sul piano teorico Laghi rimane quando gli viene chiesto delle Ferrovie, che se dovessero partecipare alla gara verrebbero prese in considerazione alla stregua di altre proposte.

Tra network e contenimento dei costi
Sul fronte operativo, verrà di certo presa in esame la possibilità di ampliare il network: “Dalle analisi strategiche dipenderà se e come ampliare il lungo raggio, e se e quanto rafforzare il corto e medio”.

Mentre per quel che concerne le tappe di risanamento, il primo step da 240 milioni di euro è stato concesso: di questi, 118 milioni di euro sono stati assorbiti da Iata come garanzia, ma il commissario apre all’ipotesi che “una parte potrebbe tornare indietro”.

L’analisi del passivo, intanto, sta ponendo in primo piano la gestione carburante e i contratti di leasing degli aerei, prime voci su cui attuare i tagli: “Tutto insieme, al netto del personale, dobbiamo puntare a minori costi fra i 150 e i 200 milioni di euro”.

Leggi anche: Alitalia

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook