|

Nuove compagnie aeree Grandi manovre in Italia

La sospensione almeno temporanea delle attività di Blue Panorama/Luke Air e quella che appare come una pausa di riflessione di Ego Airways ha di fatto lasciato sul mercato del trasporto aereo italiano due soli player nazionali: Ita Airways e Neos. Un contesto che, nonostante l’avanzata delle low cost che non hanno perso tempo nell’ampliare il proprio raggio d’azione, ha lasciato comunque degli spazi vuoti appetibili per eventuali investitori che vogliano provare a entrare in un mercato tanto ostico quanto comunque attraente.

Il quadro
Il dietro le quinte delle ultime settimane sembra proprio andare in questa direzione e alle grandi manovre al momento starebbero partecipando due realtà su tutte, stando alle ultime indiscrezioni alcune delle quali già confermate: il progetto AeroItalia, della cui partita potrebbe fare parte l’ex patron di Avianca German Efremovich, secondo quanto riportato da Il Sussidiario, che in passato ha più volte tentato di arrivare ad Alitalia con diversi progetti, senza però mai convincere le parti in causa a mettere in campo un piano serio e di lungo respiro; inoltre alla finestra ci sarebbero anche alcuni fondi di investimento, pronti a lanciarsi anche nel trasporto aereo dopo essersi affacciati al mondo del calcio.

La nuova realtà
Il nome di Aeroitalia aveva iniziato a circolare negli ultimi giorni con insistenza insieme a quello del docente universitario ed esperto di aviazione civile Gaetano Intrieri, indicato come la persona incaricata di tirare le fila del progetto. Ed è stato proprio Intrieri in un’intervista rilasciata a Il Mattino di Napoli a uscire allo scoperto dopo il teaser sulla propria pagina Facebook con un aereo stilizzato e l’immancabile tricolore accompagnato dalla scritta: coming soon.

Il modello di business
Intrieri, che sarà amministratore delegato della società, alza il velo su tempi, investimenti e piani. Intanto l’obiettivo per la licenza di operatore aereo entro marzo come primo passo per dare forma al nuovo progetto. L’investimento iniziate, dice, sarà di cento milioni in 18 mesi e la mission sarà quella dei collegamenti a lungo raggio, con un focus sul Sud America. Nessuna concorrenza con Ita Airways, assicura, e quanto al modello low cost lo sarà come obiettivo di contenimento costi. Nel piano è prevista l’assunzione fino a 2.500 persone provenienti dal settore e con una forte attenzione al Sud Italia.