L'exploit delle case di lusso: l'analisi di Emma Villas

21/09/2021
14:25
 

Toscana, Umbria e Marche. Questo il podio delle regioni più gettonate dell’estate in dimore di lusso secondo le rilevazioni dell’Osservatorio Emma Villas.

Una stagione dai risultati sorprendenti, che ha visto sempre come protagonista assoluto il turismo di prossimità, ma ha anche registrato segnali di interesse da parte della clientela internazionale, che ha ricominciato a prenotare forte del Green pass.

Meglio del 2019
Nel 2021, dunque, sono state 3.370 le prenotazioni (corrispondenti a 4.553 settimane di soggiorno) di chi ha scelto la villa per le sue vacanze o momenti di relax. Un dato che non solo supera l’anno precedente del 55% quando, nello stesso periodo, si registravano 2.169 prenotazioni, ma registra un più 6,5% rispetto al 2019.

Durante l’anno che ha preceduto l’arrivo della pandemia, infatti, le prenotazioni furono 3.164 per un totale di 4.193 settimane.
“I dati di quest’anno, che ci hanno riportato a crescere secondo il trend pre-pandemia - commenta Giammarco Bisogno, fondatore e ceo di Emma Villas - confermano che questo tipo di soggiorno è ormai riconosciuto da moltissimi come soluzione ideale per le vacanze. Disporre di una villa, parco e piscina ad uso esclusivo della propria famiglia o gruppo di amici è stata sicuramente nelle ultime due stagioni, anche per chi non aveva mai provato questo tipo di vacanza, una scelta d’elezione anche a causa delle incertezze legate alla pandemia da Covid-19; ma speriamo che chi ha provato questa esperienza per la prima volta ne sia rimasto affascinato e che desideri ripeterla anche quando ci lasceremo alle spalle l’emergenza sanitaria”.

Il podio delle regioni
Al primo posto, con 2.300 settimane prenotate e con un indice di occupazione pari all’81% in alta stagione per le sue 214 ville, troviamo la Toscana, seguita dall’Umbria, che ha visto le sue 84 ville di pregio essere prenotate per 746 settimane, con un’occupancy in alta stagione del 79%. Al terzo posto, per numero di settimane prenotate (286) le Marche, con un’occupazione delle strutture che è arrivata all’88% in alta stagione. Ma se andiamo a guardare solo la percentuale del prenotato sul disponibile in alta stagione – la cui media nazionale è del 79% - scopriamo che c’è chi ha performato ancora meglio: è il caso delle ville in Abruzzo, occupate al 100% durante l’estate.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook