Parigi: Vuitton firma il nuovo gioiello dell'hospitality d'alta gamma

22/09/2021
08:47
Leggi anche: Parigi

Un investimento di 800 milioni di euro, 16 anni di lavori, 72 camere, 4 ristoranti, una piscina di oltre 30 metri e un costo che parte dai 1500 euro a notte. Sono solo alcune delle cifre del Vuitton Cheval Blanc Paris, l’ultimo hotel del gruppo Lvmh che, appena aperto, si preannuncia già come uno degli indirizzi irrinunciabili per i big spender che scelgano un soggiorno nella capitale francese.

Il progetto porta la firma dell’architetto newyorchese Peter Marino, già all’opera per numerose boutique del gruppo, e fa del 5 stelle lusso il primo urban resort del gruppo, già presente con lo stesso brand Cheval Blanc a Saint Barth, Saint Tropez, Maldive e Courchevel. Un po’ hotel, un po’ galleria d’arte, è ospitato in un edificio art déco del 1928 nel primo arrondissement, vicino al Louvre, e presenta al suo interno centinaia di opere contemporanee di artisti emergenti e di spicco, tra cui Sonia Delaunay, Ingrid Donat e Frank Gehry.

Come scrive Bloomberg.com le camere sono solo 72 - “un numero volutamente ristretto in nome della privacy assoluta” spiega Olivier Lefebvre, responsabile delle attività alberghiere di Lvmh Hotel Management - e offrono incredibili viste sulla Senna da innumerevoli terrazze e vetrate. Immediato il passaggio dal fiume alla megapiscina di 30 metri, i cui soffitti a specchio riflettono l’acqua. Inutile dire che le vetrinette ospitano ovunque gioielli Tiffany  e profumi e cosmetici Dior, così come di Dior sono i prodotti della spa.

Leggi anche: Parigi

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook