Se i piloti Alitalia cercano altro, l'esodo dei 350

08/02/2017
11:45
 

Nel mezzo delle cronache che vedono Alitalia destreggiarsi tra la ricerca di capitali per la salvezza e di un accordo con i sindacati per la revisione dei contratti, qualcosa si muove lontano dalle luci della ribalta e dalle attenzioni dei media. La fuga dei piloti.

Pubblicità

Secondo quanto riporta questa mattina Repubblica, su 1.500 sarebbero già 350 quelli pronti ad abbandonare il vettore italiano per cercare salari migliori o semplicemente per dare inizio a una carriera sotto un’altra livrea. Duecento richieste sono già state inoltrate al colosso del trasporto merci Cargolux Italia, mentre altre sembrerebbero indirizzate a Norwegian, in cerca di sangue fresco per il long haul low cost.

Il denaro sembra però essere la motivazione principale. E una cinquantina di piloti sarebbero persino disposti a raggiungere i vettori asiatici, i più generosi quando si parla di retribuzioni.

Se in Az un pilota appena assunto riceve un compenso medio di 5mila euro, riporta il quotidiano, nelle compagnie cinesi può arrivare a guadagnare fino a 20mila euro; e nei vettori del Golfo a godere di benefit come alloggio e scuola per i figli. Opportunità verso cui i piloti Alitalia potrebbero non rimanere indifferenti.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook