Alitalia pronta
per il piano:
i dubbi delle banche

01/03/2017
11:03
Leggi anche: Alitalia

Alitalia fa il conto alla rovescia. Il prossimo 6 marzo dovrebbe arrivare il nuovo e tanto atteso piano industriale. Ma non mancano gli ostacoli, visto che le banche continuano a fare pressing  sul vettore.

Pubblicità

Gli istituti di credito, stando a quanto si legge su Sole 24 Ore, sembra non siano d’accordo nemmeno tra loro sulle risorse da fornire ad Az, con cifre che passano da un minimo di 600 a un massimo di 900 milioni di euro; risorse che sembrerebbero comunque difficili da trovare, vista la resistenza delle banche stesse a voler metter mano al portafogli.

Oltre alla mancata coesione tra azionisti, dunque, anche le questioni progettuali del piano sembrano essere messe in discussione.

Le previsioni di sviluppo ricavi fissate a un +42% nel triennio 2016-2019 vengono giudicate irrealistiche, con una richiesta di tagli più decisi ai costi da parte delle banche: si parla di almeno 130 milioni di euro sul costo del lavoro e 2mila esuberi, per un totale di 400 milioni di euro di tagli fino al 2022.

E rimane ancora da chiarire se e come avverrà la trasformazione del corto e medio raggio di Alitalia in versione low cost.

Leggi anche: Alitalia

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook