Cercare lavoro
nel turismo
Gli errori da evitare

di Amina D'Addario
21/03/2017
08:00
 
Pubblicità

Che si voglia entrare in una catena alberghiera o fare esperienza in un villaggio è il primo biglietto da visita con cui presentarsi. Eppure capita che il curriculum vitae sia spesso illeggibile, pieno di imprecisioni o informazioni incomplete. Errori più comuni di quanto si possa immaginare e da cui, come ha spiegato Fabio Comba, direttore risorse umane Nh Hotels, è bene tenersi alla larga.

La scelta delle foto
"Partiamo dalla foto. Bisogna evitare immagini ritagliate e quelle ritoccate con Photoshop. Meglio scegliere quelle scattate su uno sfondo neutro e in cui siamo vestiti come si andrebbe al lavoro". Seconda raccomandazione, la brevità. "Il consiglio è quello di essere sintetici e di non presentare cv di decine di pagine, tanto meno - aggiunge Comba  - a vent'anni".

La scrittura
Secondo il selezionatore è poi preferibile non compilare il cv in "quell'odioso formato che è Europass", ma soprattutto, una volta scaricato il form, "ricordarsi di togliere le indicazioni 'scrivere qui', che mi capita di trovare". Imprescindibile, poi, "inserire le attività extrascolastiche e gli sport praticati" che, precisa il responsabile risorse umane, "servono a noi esaminatori per scoprire le attitudini del candidato da approfondire durante il colloquio".  

Uscire dal mucchio
Infine, raccomanda Comba, "il curriculum deve piacere prima di tutto a chi lo ha compilato, deve essere di facile lettura e - conclude - uscire fuori dal mucchio".


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook