“Un testimonial per le mete in difficoltà”: l’idea di Gabriella

23/03/2017
11:31
 

“Il problema di Facebook è che chiunque può pubblicare cose eclatanti”. Gabriella Stemperini, assistente di direzione dell’agenzia di viaggi easynite di Torino, fa parte di un’azienda che, con i social, ha deciso di lavorarci seriamente. Adottando però un sistema differente da quello di molti suoi colleghi. La pagina Facebook del punto vendita, infatti, non si limita alle promozioni o agli sconti. “Trattiamo argomenti che possano essere interessanti per il viaggiatore”. Anche perché “ci sono tanti blogger di viaggi - prosegue Gabriella - io li seguo tutti. E molti di loro pubblicizzano il fai da te”. E allora perché non combattere la disintermediazione sullo stesso terreno? Così si sviluppa la strategia di easynite sui social network. Per lavorare sui quali, chiarisce l’agente, “non basta avere Facebook, bisogna avere argomenti”

Pubblicità

Un testimonial per il Nord Africa
Parlando di viaggi, oggi come oggi, diventa difficile non parlare del tema della sicurezza. Un argomento che ha influenzato (e con ogni probabilità influenzerà ancora nelle prossime stagioni) le scelte dei clienti. E dunque il lavoro dell’agente di viaggi. “Inutile girarci intorno - afferma Gabriella -: le sorti del Mar Rosso e della Tunisia ci hanno colpiti al cuore. Sicuramente siamo riusciti a recuperare una fetta di mercato, dirottandola sull’Italia”.
Eppure, non è la prima volta che alcune destinazioni vengono colpite. “Ma alcune sono riuscite a risollevarsi grazie anche alla ‘pubblicità’ di alcuni personaggi famosi, come è accaduto al Kenya con Briatore”.

Dunque? “Ci vorrebbe qualche testimonial che spingesse il Nord Africa. Così potrebbe ripartire”.

Il rapporto con il tour operator
easynite non è solo agenzia di viaggi: l’azienda lavora anche come tour operator su una serie di destinazioni selezionate. Una caratteristica che dimostra come, di recente, l’organizzazione e la vendita di viaggi siano sempre più vicini. Ma restano comunque lavori differenti. “Per la villaggistica i tour operator sono indispensabili - chiarisce Gabriella - e ogni operatore ha una tipologia di prodotto che va bene per una determinata fascia di clientela. Poi, sono indispensabili quelli specializzati su alcune destinazioni”.

L’utilizzo del web
Di qualunque settore ci si occupi (o quasi), internet è diventato una realtà quotidiana. E la distribuzione turistica non fa eccezione. Anche se i siti internet, ormai, richiedono una manutenzione praticamente costante. “Ci lavoriamo 24 ore su 24, ci sono informazioni che rischiano di diventare obsolete nel momento stesso in cui vengono pubblicate”. L’importante è “essere presenti sul mercato, con informazioni che interessano il mercato”. Attraverso il web e i social, easynite racconta soprattutto “viaggi strani, che incuriosiscono il mercato. Ovviamente, parlando soprattutto dei tour organizzati da noi”.
Anche per ricordare l’importanza della presenza di un professionista quando si organizza un viaggio. “Certo, ci si può organizzare da soli. E sperare che vada tutto bene. Perché al minimo problema…”


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook