Aci Europe: traffico in forte crescita negli scali del continente

10/05/2017
11:00
Leggi anche: Aeroporti

Cresce ancora il traffico negli aeroporti europei, soprattutto in quelli all’interno dell’Ue. Il dato proviene dall’ultima classifica Aci Europe, relativa al primo trimestre 2017, che registra una progressione media, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, del 6,9%.

Pubblicità

Il mercato dell’Unione riporta un aumento di 7,2 punti percentuali e, al suo interno, sono 11 i bacini che hanno chiuso il periodo con una crescita a doppia cifra, soprattutto nella parte orientale del blocco con Cipro, Lussemburgo, Malta e Portogallo. In termini assoluti lo scalo con l’aumento maggiore di passeggeri è stato quello di Cluj, in Romania, che ha chiuso il trimestre a più 60,1%, seguito da Sofia con il 46,9% di passeggeri in più sullo scorso anno e da Varsavia, a più 28,5%.

I dati dei top 5
Tra gli aeroporti del Gruppo 1, ossia quelli da cui transitano oltre 25 milioni di passeggeri l’anno, quello a maggiore crescita è lo scalo di Mosca Sheremetyevo con un aumento di passeggeri di 16,8 punti percentuali, seguito da Manchester con il più 13% e da Londra Gatwick con una progressione di 10 punti rispetto al primo trimestre del 2016.

I primi cinque aeroporti europei hanno registrato un incremento di traffico passeggeri di 1,9 punti sul 2016, con Amsterdam Schiphol a più 8,6%, Parigi Charles De Gaulle a più 4,3 e Londra Heathrow a più 2,2. In crescita di 1,5 punti anche lo scalo di Francoforte. Forte il contrasto con Istanbul-Ataturk, che nel trimestre ha perso 7 punti percentuali, equivalenti a circa 900mila passeggeri.
Se il trend è stato buono, lo sono altrettanto le previsioni per i prossimi mesi, come spiega il direttore generale di Aci Europe Olivier Jankovec: “Lo slancio positivo - dice - potrebbe durare anche grazie al fatto che il rischio di una maggiore instabilità politica per l’Unione europea è appena scomparso con il risultato delle elezioni francesi, un fattore molto positivo per il nostro settore”.
Resta, tuttavia, l’incertezza sulle possibili implicazioni della Brexit: una problematica che, secondo Jankovec, non sarà destinata a risolversi rapidamente nel settore dell’aviation.

Leggi anche: Aeroporti

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook