Il sogno americano di Fabio Quagliarella

di Sveva Faldella
26/05/2017
08:33
Leggi anche: #viploungettg

Cresciuto nelle giovanili del Torino esordì in serie A con la maglia granata, a soli 17 anni, il 14 maggio del 2000. Fabio Quagliarella ha militato in alcune delle squadre più importanti del Campionato italiano come Juventus, Napoli e Udinese. Con i colori della Nazionale ha disputato un Europeo nel 2008 e i Mondiali nel 2010. Oggi l'attaccante è tornato a giocare nella Sampdoria, dopo l'esperienza della stagione 2006/2007.

Pubblicità

Viaggia molto per la sua professione di calciatore, ma qual è il posto più bello dove ha trascorso un periodo di vacanza?
Non ho dubbi, la Polinesia. Penso che sia uno di quei posti che tutti debbano vedere, almeno una volta nella vita. Io ci sono stato sette anni fa con tutta la mia famiglia, resta una vacanza indimenticabile.

Dove vorrebbe tornare o quale posto vorrebbe visitare prossimamente?
Mi piacerebbe molto fare un lungo tour degli Stati Uniti, Paese che ancora non conosco bene. Magari un giro classico delle più grandi città, dove ovviamente non devono mancare due tappe fondamentali come Los Angeles e Las Vegas. È un destinazione che mi affascina davvero tanto.

Quando viaggia a cosa non sa rinunciare?
Devo avere con me sempre qualcosa di dolce di sgranocchiare, non importa che siano prodotti italiani o specialità del Paese che visito. Devo sapere di avere qualcosa che mi dia una sferzata di energia qualora ne avessi bisogno nell'arco della giornata.

Quale filosofia di viaggio adotta: comfort o zaino in spalla?
Sicuramente comfort, sempre. Le comodità fanno parte di una vacanza, altrimenti non si potrebbe definirla tale.

Mentre per l'organizzazione del viaggio di quale squadra fa parte: fai da te o agenzie di viaggi?
Mi affido alle agenzie di viaggi quando devo organizzare spostamenti in posti piuttosto lontani. Altrimenti per le vacanze in Italia e in Europa mi piace occuparmi personalmente delle prenotazioni.

Leggi anche: #viploungettg

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook