Dieci regole
per vincere
dopo l’emergenza

di Oriana Davini
27/03/2020
09:25
 

Un’emergenza come quella che stiamo vivendo non passa senza lasciare traccia nella società e si assisterà ad una trasformazione sia delle richieste dei clienti sia del modo di interpretare il lavoro dell’agenzia di viaggi.

Pubblicità

Almeno questa è l’idea di Giuseppe Stigliano, a.d. di Wunderman Thompson Italy, esperto di retail, non solo turistico.

Come cambieranno clienti e adv
“Rivaluteremo i negozi di prossimità, cosa che sta già avvenendo. Mi aspetto anche una contrazione dei consumi fuori casa e un incremento di quelli casalinghi” dice Stigliano. In ambito turistico, invece, ci sarà un’impennata di tutto ciò che è sostenibile e percepito come good for me, good for the planet: “Penso ad agriturismi, b&b, esperienze local. E attenzione al pricing, perché non ci sarà una grande capacità di spesa”.

La trasformazione riguarderà anche il lavoro delle agenzie: i clienti avranno aspettative più alte sugli standard igienici e ci sarà un’accelerazione di soluzioni “cashless e contactless. Infine molte più persone si sono abituate all’e-commerce e a assistenza via Skype, quindi ci sarà più richiesta di servizi da remoto: aspettiamoci un’Italia un po’ diversa”.

L’Italia digitale: 10 pics da ricordare
L’abitudine, sviluppata in questi mesi, a lavorare a distanza e ad effettuare acquisti online potrebbe diventare consolidata. Ecco quindi che Stigliano mette in campo 10 regole per vincere in questa situazione. “Non è in crisi il retail fisico, ma un certo modo di farlo” dice.

Allora, innanzi tutto, bisogna rendere la complessità tecnologica simile all’elettricità: invisibile, ma capace di attivare soluzioni fino a poco tempo fa impensabili. E poi essere seamless, ovvero integrare online e offline senza interruzioni e trasformare il proprio negozio in una destinazione, cosa tanto più valida per le adv.

Fondamentale “essere leali verso i clienti senza aspettarsi che lo siano anche loro”. E personalizzare l’esperienza di vendita in base ai dati; quindi “essere dei curatori, come fanno i responsabili delle mostre, così i clienti vorranno venire a prescindere dal prezzo”.

La settima regola è uno dei cavalli di battaglia delle agenzie da sempre: “Siate umani, perché su questo si basa il retail. Ma è importante anche dimenticare i confini fisici del vostro negozio: contaminatevi col digitale”.

Penultima regola: essere esponenziali, cioè fare leva su asset di terze parti, “collaborando con startup e centri di ricerca”.
Infine, “siate coraggiosi: l’unica cosa da fare è buttarsi perché stare fermi è troppo rischioso”.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook