Bonus centri storici, chi può accedere (e come) ai contributi a fondo perduto

20/11/2020
10:50
 

C’è tempo fino al 14 gennaio 2021 per presentare la domanda per accedere al Bonus centri storici. La misura, inserita nel decreto Agosto, prevede l’erogazione da parte dell’Agenzia delle Entrate di contributi a fondo perduto, fino a un massimo di 150mila euro, alle attività di vendita di beni e servizi situate nelle città d’arte maggiormente colpite dall’emergenza Covid-19 e dal conseguente calo delle presenze turistiche.

Pubblicità

Sono in tutto 29, riporta sole24ore.com, i Comuni interessati dal provvedimento: Agrigento, Bari, Bergamo, Bologna, Bolzano, Cagliari, Catania, Como, Firenze, Genova, La Spezia, Lucca, Matera, Milano, Napoli, Padova, Palermo, Pisa, Ragusa, Ravenna, Rimini, Roma, Siena, Siracusa, Torino, Urbino, Venezia, Verbania e Verona.

Il modello da compilare per inoltrare l’istanza è disponibile a questo link.

Tra i requisiti necessari per richiedere i sostegni ci sono: il possesso di partita Iva attiva alla data del 30 giugno 2020 e non cessata alla data di presentazione dell’istanza; svolgere un’attività di vendita di beni o servizi al pubblico nelle zone A (ovvero zone di particolare valore storico, artistico o ambientale) o equipollenti in uno dei 29 Comuni interessati dalla misura.

Inoltre, l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi ottenuto nel mese di giugno 2020 deve essere inferiore ai due terzi dell’analogo ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di giugno 2019.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook