Le regine del wedding tricolore

06/03/2018
14:02
Andrea Naar Alba e la sua Italian Wedding & Events
 

“Un business multimilionario con un potenziale di spesa illimitato, ancor di più per un Paese unico come l’Italia”. A definire così il mercato del wedding di lusso è Andrea Naar Alba, la creatrice di Italian Weddings & Events, che ha scelto Londra come head quarter e il nostro Paese come palcoscenico per dar vita a indimenticabili feste di nozze.

Un’azienda, la sua, nata cinque anni fa e specializzata nell’organizzazione di matrimoni per coppie straniere che scelgono l’Italia come meta del loro viaggio da sogno. Il tutto nasce dall’esperienza fatta nell’agenzia Wed Couture Milano: “Allora - racconta - solo il 20 per cento della nostra clientela era estero. Poi, con il trasferimento a Londra, abbiamo cambiato radicalmente i nostri mercati di riferimento”. Mercati che non si fanno scoraggiare dalla distanza: “I miei primi tre bacini - spiega infatti - sono gli Stati Uniti, il Libano e Dubai”.

Ma chi sono e quanto sono disposti a spendere gli sposi di Italian Wedding & Events? “La nostra clientela - sottolinea - è costituita soprattutto da Millennials, molto più consapevoli e preparati rispetto alle generazioni precedenti. Di solito scelgono noi dopo una selezione a monte dei fornitori e pretendono una personalizzazione estrema del loro viaggio”.

Stupirli è sempre più difficile: “Partiamo dalle loro esigenze per costruire il pacchetto, non abbiamo nulla di preconfezionato. Il primo obiettivo è di accontentare ogni loro capriccio, anche i più inconsueti”. Come quello di far preparare dagli artigiani della Costiera Amalfitana sandali gioiello capresi per ciascuna invitata, con il proprio nome inciso nel cuoio.

Il budget medio è di 150mila euro, "ma abbiamo avuto anche un cliente libanese che ha speso più di un milione di euro e un magnate russo che è arrivato a stanziare tre milioni per festeggiare il suo cinquantesimo compleanno”. Il pacchetto medio dura dai tre ai cinque giorni e i clienti  “vogliono avere un ruolo da protagonisti sempre e tenere tutto sotto controllo”.

Le destinazioni più richieste sono la Costiera Amalfitana e, a pari merito, il lago di Como, seguiti da Venezia e veronese, Puglia e Sicilia. Ed è proprio su quest’ultima che Andrea Naar Alba vuole concentrarsi con la creazione di una rete di professionisti che facciano sistema, dando vita a una vera e propria community, per valorizzare aree meno congestionate di turisti della Penisola.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook