States in prima linea tra le mete

19/03/2012
14:09

Sono ancora loro i leader e non smentiscono il loro appeal. Gli Stati Uniti guidano incontrastati la graduatoria delle destinazioni più gettonate dalle coppie italiane per il loro viaggio di nozze, esattamente come due anni orsono, e non perdono smalto neppure di fronte alla crisi economica.

Una leadership schiacciante che coinvolge non solo gli Usa, ma tutto il Nuovo Continente. Al secondo posto, infatti, scalzando le crociere, che nel 2010 occupavano la piazza d’onore, emergono i Caraibi come destinazione secca, mentre al terzo ricompaiono gli States, questa volta in combinato con un’estensione mare, spesso e sovente proprio ai Caraibi.

Metà classifica
Un trio di testa che sembra prendere il largo nelle risposte delle adv rispetto alle altre mete classiche per gli honeymooner. Chi sembra poter insidiare le prime tre sono le destinazioni dell’Oceano Indiano: con minor forza le Maldive, ormai abbastanza trascurate come prodotto per le lune di miele, mentre con sempre maggior convinzione Seychelles e Mauritius, dotate di un ricettivo di altissimo livello che permette di soddisfare le esigenze del target.

Maggiore distacco per l’Australia, che si colloca in quinta posizione fra le mete preferite, mentre al sesto posto ricompaiono le crociere, un tempo molto amate dagli sposi, ma ormai considerate un viaggio alla portata di tutti, anche senza considerare l’attuale situazione di difficoltà legata alle ben note vicende che hanno coinvolto Costa.

Classici e ritorni
Probabilmente sull’onda del successo delle destinazioni caraibiche per i viaggi di nozze, nelle segnalazioni delle agenzie sulle richieste da parte delle coppie torna il Messico come meta unica, che si piazza al settimo posto, seguito dalla Polinesia, un grande classico che però, complice sicuramente la crisi, arretra di moltissime posizioni rispetto a due anni fa.

La meta, che compare anche in combinato con gli Usa, se venduta come destinazione secca sembra essere troppo cara e troppo lontana per incontrare i gusti degli sposi tricolore. Le ultime due posizioni sono appannaggio degli emergenti: se il Sudafrica compariva anche nella graduatoria di due anni fa, con una sola posizione di differenza, l’Oriente entra in gara come alternativa per il 2012. “Per i clienti che non hanno già una meta stabilita - dice Mersia de Cesare, addetta vendite di Mae Viaggi a San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) - abbiamo deciso di puntare su destinazioni insolite. Riteniamo opportuno differenziare le soluzioni affinché i clienti capiscano l’importanza della nostra professione, che non può essere sminuita dal passaparola o da internet”.

La tipologia
Così come gli Usa si confermano la prima destinazione, anno dopo anno, a farla da padrone in agenzia per le lune di miele continuano ad essere i combinati. Anzi, la loro posizione si rafforza: passano, infatti, dall’80 per cento di agenzie che li segnalavano come primo prodotto nel 2011 all’84,2 di oggi. A perdere ancora più share è il villaggio turistico, che non convince gli sposi, segnalato solo dall’1,1 per cento degli agenti, mentre si rafforzano i tour, che passano dall’8 per cento di richieste nel 2011 al 10,2 del sondaggio 2012.

A farne le spese più di tutti gli altri prodotti, con un crollo verticale che conferma anche la discesa in classifica nelle destinazioni preferite, le crociere: a fronte di un 10 per cento di segnalazioni del 2011, quest’anno le agenzie le presentano come prodotto preferito solo nel 4,5 per cento di casi.

I professionisti
Quello che emerge sia dai numeri sia dai commenti lasciati dalle agenzie che hanno partecipato al sondaggio è che, affidandosi alla distribuzione classica, il cliente chiede una maggiore personalizzazione. Il numero di combinati e l’aumento dei tour sono il chiaro segnale di una sempre maggiore volontà di poter godere di un prodotto unico e irripetibile. E le agenzie ne sono perfettamente coscienti.

“Il futuro del nostro lavoro è la personalizzazione, non solo del viaggio, ma anche del tempo - dice Anna Di Bona, titolare di I viaggi di Anna a Como -: quindi appuntamenti mirati rispettando le esigenze di orario e giorno, e i risultati si vedono”.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook