L'anno magro della nozze

di Cristina Peroglio
13/02/2013
12:06
Leggi anche: Viaggi di Nozze

Si vende bene, ma il budget è in calo.

È questo il volto del segmento viaggi di nozze negli anni della crisi. Le agenzie di viaggi mostrano chiaramente il polso della situazione nel sondaggio che TTG Italia ha lanciato nei giorni scorsi: quello di un mercato che si mantiene vivace e che continua ad essere un buon polmone per i dettaglianti, ma con disponibilità economiche sempre più ridotte e limate.

“Le richieste di preventivo per viaggi di nozze sono solitamente il primo segnale dell’andamento delle vendite per l’anno - spiega Maddalena La Mattina, responsabile di agenzia di Cocciolaviaggi a Palermo -. Dovendo giudicare l’inizio del 2013, possiamo dire che il numero di richieste non è diminuito, il che fa ben sperare. Quello che è drasticamente calato è invece il budget medio delle coppie, e questo ci dà da pensare”.

Il motivo, senza andare troppo lontano con le speculazioni, è la crisi economica. “Il budget è sempre inferiore - dice Angela Mirto di Griecotours a Molfetta (Bari) - perché i clienti hanno sempre più un lavoro precario, e chi può spendere utilizza il denaro per altro, magari per l’arredamento”.

La fascia bassa
È evidente la conferma di questo trend nella risposta alla domanda sulla spesa media a pratica per una luna di miele. Rispetto ai dati 2012, cresce di un punto percentuale il valore più basso della scala, ossia un budget a pratica inferiore ai 5mila euro, passando dal 23,2 per cento dello scorso anno al 24,4 del sondaggio 2013. Si mantiene, invece, stabile il valore intermedio: per il 72,7 per cento degli agenti che hanno partecipato all’indagine di TTG, gli sposi spendono tendenzialmente tra i 5 e i 10mila euro a pratica per la luna di miele. Nel 2012, questo valore era stato indicato come il principale dal 72,3 per cento dei dettaglianti.

Ad essere erosa, invece, è la fascia alta, quella dei big spender. Se lo scorso anno il 4,5 per cento delle adv indicava una capacità di spesa che superava i 10mila euro, quest’anno solo il 2,8 per cento delle agenzie segnala un budget che punta verso l’alto.

Giro d’affari
Cala anche l’incidenza sul giro d’affari complessivo delle agenzie per i viaggi di nozze. I valori del sondaggio 2012 mostravano, infatti, un peso superiore al 40 per cento del fatturato per il 13 per cento delle agenzie che avevano partecipato all’indagine. Nel 2013 questa percentuale si è limata verso il basso, con una perdita secca di 5 punti percentuali, a solo 8 per cento di casi.

Anche il margine più basso della scala, quello che vede per le lune di miele uno share sul fatturato inferiore al 20 per cento, perde qualche punto e passa dal 42,4 per cento del 2012 al 41,5 per cento del 2013.

Resta saldo il valore intermedio: per il 50,6 per cento delle adv il segmento rappresenta fra il 20 e il 40 per cento del fatturato, mentre nel 2012 il valore era il più forte per il 44,6 per cento delle agenzie.

Leggi anche: Viaggi di Nozze

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook