Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

Del Mar Rosso non si può proprio fare a meno, in agenzia

25/02/2015
09:16
 

Un milione di italiani ha visitato l'Egitto, nel 2014, rappresentando il 10% del totale dei turisti stranieri.

L'80% ha affollato le destinazioni balneari, Mar Rosso in primis, e solo un quinto si è dedicato agli itinerari 'classici', ovvero crociera sul Nilo e Cairo. Ovvia conseguenza delle tensioni politico-sociali che animano, dalla 'Primavera araba' del 2011 in poi, il più popoloso Paese medio-orientale.

Italiani che nel 2014 sono stati il 20% in meno del 2013, come riconosciuto in BIT dai funzionari dell'Ente del Turismo Egiziano (vedi il video).

Alla recente convention Gattinoni Mondo di Vacanze, svoltasi non a caso a Sharm El Sheikh, i t.o. che vendono l'Egitto lo hanno rimarcato per l'ennesima volta: "Per noi il Mar Rosso conta il 18-20% del fatturato complessivo e quindi auspico che il mercato non si faccia prendere dal panico" dichiara Andrea Gilardi, Ceo Alpitour Tour Operator.

"L'Egitto è da difendere con forza. Per Eden vale oltre il 21%" sottolinea Angelo Cartelli, direttore commerciale e marketing di Eden Viaggi.

Insomma, le destinazioni balneari del Mar Rosso (Sharm El Sheikh in primis, le altre a seguire) non sono sostituibili.

Soprattutto d'inverno. Non dalle Canarie di una volta, più care e con l'Oceano Atlantico al posto della barriera corallina. Non dalla Tunisia o da altri Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, con stagionalità ben più limitata. Non dai Caraibi, per motivi di budget e distanza.

Insomma, che i resort della Red Sea Riviera tornino a riempirsi di italiani è un vantaggio per tutti: fornitori, tour operator, agenzie. A maggior ragione adesso, che i russi hanno lasciato (quasi) libero il campo.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori