Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

Saltano i t.o.? Non ci guadagna nessuno...

24/09/2012
12:06

Il mio post del 17 settembre “Fuga dei cervelli, anche nel turismo” ha scatenato il popolo della rete. Nessuno si è concentrato sulla bella notizia (una giovanissima manager a capo di una Olta in grande ascesa), ma sulla brutta, ovvero sul fatto che 7 manager abbiano abbandonato l’azienda per la quale hanno lavorato anni (e talvolta anche fondato) e 4 di loro siano emigrati all’estero.

Dispiacere?! Manco per niente. Auguri di trovare una giusta collocazione?! Ancor meno. Il sentimento comune è rappresentato dal (suppongo) collega Marco Facchinetti, che ha sobriamente commentato: “I ‘cervelli’ in questione han contribuito allo stato attuale di molti t.o., alcuni di loro anche plurifalliti, il titolo dell'articolo è ovviamente sarcastico.. ’fuga di cervelli’ aaahhh!!!! ahhhhh!!!!!!!!! aaaaahhhhh!!!!!!!”. Interpreto gli “aaaahhh” come risate a crepapelle e conto 20 punti esclamativi.

Due semplici riflessioni. Il termine tedesco “shadenfreude” non ha corrispondente in italiano, ma potrebbe essere tradotto con “la gioia che si prova alla vista di disgrazie o pene altrui”. È il sentimento che anima i colleghi che hanno ricoperto altri colleghi di contumelie: una sorta di gioia maligna, di vendetta a posteriori per qualche torto subìto in passato, chissà...

Secondo: quei 7 signori hanno condotto o lavorato in tour operator come Hotelplan e Kuoni, Azemar e Alpitour, Ventaglio e Boscolo, Teorema e Veratour, Going e Costa Crociere, Travelplan e Valtur... Vabbè, alcuni non ci sono più, altri traballano, pochi resistono indomiti. Ma chi ci guadagna quando un t.o. salta?! Certo non l’agente di viaggi che l’ha venduto fino al giorno prima e magari, qualche mese o anno prima, ci ha tirato su delle belle commissioni. E ancor prima, ai bei tempi, si è goduto qualche bell’educational - gratis, of course - con tutta la famiglia.

Conclusione: è giusto che esca dal mercato l’azienda che ha fatto danni o il manager che si è dimostrato inadeguato. Ma goderne, sfacciatamente e pubblicamente, non è dignitoso. Soprattutto di questi tempi.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori