Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

La tua agenzia ti fa perdere soldi? Allora è da rottamare!

15/10/2012
14:12

67. Ne ho aperte 67, in dieci anni. Dal 2000 al 2010, come responsabile dello sviluppo di Frigerio Viaggi Network, ho aperto 67 nuove agenzie e convinto almeno 90 neo-imprenditori ad abbandonare un posto di lavoro sicuro (nel settore, ma più spesso in altri), a mettere sul tavolo i propri risparmi, a imparare il mestiere dell’agente di viaggi e, finalmente, una bella mattina, ad accogliere il primo cliente con un bel sorriso e un invitante “Buongiorno, allora, dove posso mandarla di bello, in vacanza?”.

Nessuno dei 90 colleghi - in tanti anni - mi ha mai rinfacciato di averlo indotto a fare la scelta descritta. Sono stato fortunato, ma Frigerio ha rinunciato ad aprire decine di altre agenzie (negli anni buoni...) e decine di imprenditori ritenuti non all’altezza sono finiti in altri network meno selettivi.

Stefania Veronelli è stata l’affiliata numero 5. Ha aperto la sua Freecoast Travel il 28 giugno del 2000, all’interno del Mondadori Multicenter di via Marghera, a Milano: per la prima volta in Italia, Mondadori ospitava un’agenzia di viaggi in un suo negozio. Stefania era già brava, conosceva il mestiere e si è data da fare. Tenendo aperto all’ora di pranzo (all’epoca nessuno lo faceva) e la sera fino alle 20 e oltre (idem), si è guadagnata una buona clientela: compresi i colleghi di Viaggi del Ventaglio, la cui sede era a poca distanza, che le vacanze andavano a farsele consigliare da Stefania.

Internet, e la crisi, hanno colpito anche Freecoast Travel. Molti t.o. che Stefania vendeva non ci sono più, alcuni prodotti sono ormai patrimonio del web, i costi (affitto, utenze, personale) continuavano a crescere. Ma il vero patrimonio di Stefania, quello che nessuna crisi e nessun motore di ricerca potevano toglierle, resisteva: i propri affezionati clienti.

Da ottobre 2012 Freecoast Travel non c’è più, è stata rottamata. Ma Stefania continua a fare l’agente di viaggi, a curare i suoi clienti, a cercarne di nuovi. È diventata Personal Voyager Euphemia, ha aperto un ufficio in via dei Gracchi, a Milano, proprio davanti alla ex sede di Ventaglio. Ed è contenta della scelta fatta, convinta ancor più di prima di voler continuare a fare l’agente di viaggi. Quello che ha sempre desiderato.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori