Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

Piccolo non è così bello, ma neanche (troppo) grande

18/12/2012
09:39

Lavorare in agenzia significa spesso essere da soli in ufficio. Non perché si faccia tutto per conto proprio, ma perché il capo o il collega, il socio o il collaboratore sono in banca, a trattare con un cliente, a visitare un fornitore, o semplicemente in vacanza o in malattia.

L’agenzia di viaggi è sempre più una SBU, cioè una Small Business Unit, dove si lavora tanto e si è in pochi, molti meno di quanti erano occupati nelle belle agenzie del centro di tanti anni fa: 5 vetrine, doppia esposizione, il front-office nettamente separato dal back-office e l’ufficio del titolare con poltrona in pelle e scrivania presidenziale.

Bei tempi, finiti per i motivi che tutti sappiamo.

Ma se piccolo non è così bello, il grande non se la cava meglio. Per “grande” intendesi il veramente grande, ovvero aziende strutturate, capitali importanti, svariate sedi, personale che supera le centinaia di unità e fatturati da centinaia di milioni.

Due soli esempi recenti: Alpitour e Meridiana fly-Air Italy. Entrambe con prestigiose storie alle spalle, entrambe leader del proprio livello di filiera, entrambe alle prese con impegnativi piani di ristrutturazione. Entrambe - e la coincidenza non è casuale - guidate da nuovi amministratori delegati, ovvero top manager di vaglia, chiamati dalle proprietà a rimettere in piedi i conti e a tracciare le linee guida di un futuro tutto da disegnare.

Il comandante Giuseppe Gentile di Meridiana e l’a.d. Gabriele Burgio di Alpitour il mestiere lo conoscono bene, e a frasi come “Supereremo questa fase difficile e presto riprenderemo a crescere” (copyright Burgio, ma Gentile potrebbe dire la stessa cosa) non si può non rispondere con un forte incoraggiamento.

Ci permettiamo di aggiungere una sola esortazione: abbiano a cuore il marchio che rappresentano, perché Alpitour e Meridiana (ovvero la ex Alisarda) hanno veramente fatto la storia del turismo in Italia. Meritano cura e rispetto, come un grande sportivo onusto di gloria che ha ancora chanche di mietere successi. Speriamo soltanto che sia Ibrahimovic, e non Schumacher...


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori