Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

Pagelle di fine anno per colleghi e aziende: tutti promossi

27/12/2012
10:08

L’ennesimo “annus horribilis” per il turismo italiano sta volgendo al termine: tempo di bilanci, quindi ecco le pagelle di Whatsup, ma solo per chi ha preso almeno la sufficienza. I bocciati l’han già saputo dal mercato, non c’è bisogno di ricordarlo anche qui.

10 a Gabriele Rispoli e ai commissari Valtur, per la resilienza: in psicologia, la resilienza è (da Wikipedia) “la capacità di far fronte in maniera positiva agli eventi traumatici e di ricostruirsi restando sensibili alle opportunità positive che la vita offre, senza perdere la propria umanità”. L’umanità non l’hanno mai persa, né Gabriele Rispoli né gli avvocati Coen, Discepolo e Gemma: la barra del timone, sul fragile vascello Valtur, l’han tenuta ben dritta. Valtur esiste ancora, i dipendenti ricevono lo stipendio, la programmazione invernale è partita. Se poi arriva il cavaliere bianco a rilevare gli asset, ben venga, ma i timonieri han dimostrato di conoscere la rotta.

9 a Marco Cisini e a tutti i top manager che hanno abbandonato l’azienda, per la classe: prendiamo come esempio l’ex direttore generale Hotelplan, ma vale per i tanti colleghi 40-50enni che hanno mandato avanti la rispettiva baracca, per anni, e che nell’infausto 2012 han perso il lavoro. A prescindere dalle rispettive responsabilità (se e quando ci sono) e dalle chance di ritrovare subito adeguate posizioni (non è facile), qui si sottolinea il modo col quale Cisini è uscito di scena. Ha capito che il suo tempo era finito, ha espresso sincero rammarico per la situazione e ha augurato a Hotelplan e ai colleghi di poter recuperare. Nessun proclama, nessuna accusa. E poi dignitoso silenzio. Pura classe.

8 a Gianni Onorato di Costa Crociere, a Msc e a Royal Caribbean, per il coraggio: l’anno si è aperto proprio con la tragedia della Costa Concordia, e l’immagine della nave spiaggiata al Giglio è ormai indelebile nelle nostre menti. A gennaio l’a.d. Pierluigi Foschi accusava la drammaticità dell’evento e accennava al possibile abbandono della denominazione Costa Crociere, ormai oggetto di pubblico ludibrio. Invece il d.g. Onorato e i manager di Msc Crociere (Mimmo Pellegrino, Leonardo Massa) e Rccl (Gianni Rotondo) han dimostrato come si gestisce una crisi e - sebbene rinunciando alla marginalità - le navi sono riuscite a riempirle anche questa estate. Ciascuno dimostrando di avere quello che all’ex comandante Schettino era mancato: il coraggio delle proprie azioni.

7 a Trenitalia e a Ntv (ma 10 ai viaggiatori dell’Alta Velocità), per la concorrenza: quando si rompe un monopolio, si dice che i primi ad avvantaggiarsene siamo noi consumatori. Stavolta è andata così: Roma-Milano (una volta cassaforte dell’Alitalia pre Cai) oggi è sinonimo di treno, che si tratti di Frecciarossa o di Italo. Merito della nuova Trenitalia (che ha sotterrato l’invereconda fama delle vecchie FF.SS.) e dell’ancor più nuova Ntv, glamour e up-to-date come i suoi fondatori, Montezemolo e Della Valle. Forse, i due competitor potevano prendersi un po’ meglio, ed evitare di passare il tempo a farsi i dispetti. Ma i viaggiatori, memori dei 500-euro-solo-andata-da-Fco-a-Lin-se-no-ti-attacchi, non se ne curano, e gioiscono.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori