Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

Pagelle di fine anno per colleghi e aziende: seconda parte

02/01/2013
14:02
Leggi anche: agenzie di viaggi

Ecco la seconda parte delle pagelle di Whatsup, tutti promossi col 7 in su.

10 ai colleghi agenti di viaggi, per l’impegno (e la levità): ne ho scelti tre, ma rappresentano l’intera categoria, ovvero coloro che - nonostante tutto - la mattina tirano su la saracinesca e mandano avanti l’agenzia tra cento difficoltà e mille profeti del malaugurio. Alessandro Brignoli di Lord Bry Viaggi, di Bergamo; Pierluigi Cruciani di H24 Travels di Roma; Salvo Miano di Mianotours, Barcellona Pozzo di Gotto (Me): sono giovani, ci credono ancora, si lamentano poco (loro, il muro del pianto degli agenti non lo frequentano...) e lavorano tanto; ma soprattutto colgono un aspetto “lieve” del nostro mestiere che tanti hanno dimenticato: vendono sogni, e quindi  non si prendono troppo sul serio...

9 a Daniel Ponzo, Renato Scaffidi e Leonardo Costanzo, per il coraggio: quando ho scritto di loro definendoli “cervelli in fuga” (vedi post del 17.9.12) non tutti hanno gradito, ma lo ribadisco ancora. Ci vuole coraggio, e tanto, per lasciare l’Italia (famiglia, casa, amici, abitudini) e andarsene all’estero, ma non in Svizzera o in Francia, a cercare lavoro. Ponzo in Arabia Saudita, Scaffidi in Cile e Costanzo in Brasile: mercati nuovi, città sconosciute, metodi di lavoro tutti da scoprire. Dai vertici di Ventaglio o di Kuoni o di Amadeus a una seconda vita in un altro continente. Chapeau.

8 a Value Holding, per la fiducia: gli unici (!) che hanno avuto il coraggio di comprare un t.o. italiano, nel 2012, sono stati Pino Sergnese e Marco Bocchieri di Value Holding; prima Marevero, poi addirittura una trattativa - non andata a buon fine - per Travelplan. Dimostrazione di fiducia incrollabile in un modello di business che tanti danno per decotto, ma che forse ha solo bisogno di essere iniettato di entusiasmo e idee originali, che a Sergnese e Bocchieri sembrano non mancare. Che il mercato premi chi ha avuto fiducia (e ci ha messo i soldi).

7 ad AINeT, Federviaggio e Gebta, per la costanza: il processo è complicato, ma sembra di vedere la luce in fondo al tunnel, perché forse il 2013 ci porterà un’associazione di categoria che sommerà le reti di Ainet, gli operatori di Federviaggio e le Bto di Gebta. Un plauso ai rispettivi presidenti (Franco Gattinoni, Luca Patanè e Davide Rosi), ma anche a chi tesse le faticose fila dietro le quinte (Stefano d’Ayala di Ainet e Gebta, Alberto Corti di Federviaggio). Gli ostacoli sono tanti, perché nonostante la comune appartenenza alla Confcommercio, la quarta delle associazioni (Fiavet) finora si è tirata indietro. Chi li ama, li segua. Promesso un 10 in pagella nel 2013.

Leggi anche: agenzie di viaggi

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori