Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

Agenzie di viaggi inglesi: tutta un'altra musica

01/07/2013
11:57
Leggi anche: agenzie di viaggi

La crisi che ha colpito le agenzie inglesi è diversa da quella italiana: da noi si comprano meno viaggi, punto. Qui a Londra si comprano ancora, ma in modo diverso.

La colpa è di internet, ovvio. I giovani sono spariti dal mercato off line, voli e pernottamenti alberghieri sono patrimonio della rete, ora e per sempre.

Molte agenzie hanno chiuso. In un mercato evoluto come quello britannico l'integrazione tra t.o. e reti è reale, sono poche teste a decidere se - un giorno per l'altro - 100 agenzie abbassano la saracinesca e altre 100 cambiano insegna.

Le agenzie superstiti sono state costrette a fare una scelta e si sono convertite al top di gamma. Niente guerra degli sconti, tanto il web non ha rivali. Niente "serviamo tutti, qualcosa venderemo", visto che non ci sono più i margini.

In agenzia entrano clienti che cercano consulenza, conforto e professionalità, e sono disposti a pagare per averle.

Ecco perché dalle vetrine di Oxford Street sono sparite le offerte appiccicate con lo scotch, e sono apparsi i modelli della Queen Elizabeth 2nd e i viaggi da 3.000 sterline in su.

Leggi anche: agenzie di viaggi

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori