Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

I network di agenzie compiono 30 anni: bene o male?

30/07/2013
09:01
Leggi anche: Network

Era il 26 gennaio del 1983 quando Luigi Maderna, attuale presidente Fiavet Lombardia, otteneva dall’Anagrafe Tributaria di Bologna il codice fiscale e la Partita Iva del “consorzio senza persona giuridica” Leader Group.

Nasceva così il primo network di agenzie in Italia, grazie all’iniziativa di 10 agenzie di viaggi ex Ventana e alla lungimiranza del milanese Maderna e di un altro nome noto a chi a quei tempi lavorava già, ovvero Giuliano Girini della romana Barberini Tours. La Turbo Italia del bresciano Eliseo Capretti sarebbe arrivata qualche tempo dopo e Buon Viaggio Network, a tutti gli effetti il primo network di agenzie per struttura e organizzazione, sarebbe stato fondato solo nel 1990.

30 anni di networking non sono poi tanti. Le catene di agenzie immobiliari sono nate molto tempo prima, in Italia, e il franchising - formidabile arma di sviluppo delle reti - nel 1981 contava già 52 catene e 3.000 negozi affiliati, dalla Grande Distribuzione al commercio al dettaglio.

In tre decenni è successo di tutto, e basta scorrere i nomi di alcune delle decine d’insegne nate, e poi defunte, nell’arco di questo tempo: da BO.PA. a Cafe Voyage, da Sestante Travel Network a Nouvelles Frontieres, da Viaggi e Vacanze con… a Colors World, da Comark a Happy Tour. Tre, a mio parere, sono le reti che hanno indelebilmente segnato questi trent’anni: GiraMondo Viaggi di Marco Armellini, che per prima ha adottato il contratto di franchising nella distribuzione; Buon Viaggio Network di Adriano Biella ed Enrico Scotti, che per prima ha industrializzato il sistema e fornito alle agenzie un pacchetto di servizi e di garanzie; Bluvacanze dei fondatori, i fratelli Dal Zilio e i fratelli Manzini, che per prima ha applicato il modello dell’associazione in partecipazione e dimostrato come aprire agenzie a raffica. Tutte e tre, comunque, hanno raggiunto anni fa l’apice del proprio successo e Buon Viaggio, nel frattempo, è pure fallita.

Sono stati trent’anni buoni o cattivi? Né l’uno né l’altro, sono stati anni di crescita e cambiamento. Iniziati quando le licenze erano contingentate, terminati quando il web è ormai un attore dominante della distribuzione. Trent’anni nei quali l’agenzia di viaggi dell’angolo, quella che era lì da trent’anni prima, o ha chiuso, oppure ha dovuto completamente cambiare modello di business.

I network hanno segnato la storia del turismo nostrano, di questo va comunque reso merito ai bravi colleghi che li hanno condotti.

Leggi anche: Network

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori