Whatsup

Roberto Gentile, editore, blogger, consulente, head-hunter

Agenzie liquide e agenzie unite: intanto il web ci prende a pesci in faccia

06/05/2014
15:33
 

Luca Caraffini e Dante Colitta, top manager e soci di Geo Travel Network, vanno ascoltati, quando dichiarano qualcosa pubblicamente. Per due motivi: perché Bravo Net e HP Vacanze le hanno create loro; perché - nonostante si occupino da tempo di altro - sono agenti di viaggi, con proprie agenzie e proprio personale. Quindi rischiano (anche) per sé, non per altri.

Caraffini: “La clientela è ormai liquida, riesce a passare attraverso le maglie del nostro retino. Vogliamo dare input nuovi, vogliamo capire cosa serve per aggredire il web”. Colitta: “Il mercato non può più sostenere 10mila punti vendita. I t.o. più importanti sviluppano il 70 % del fatturato con 2.000 agenzie. Perché, invece di chiudere, cinque o sei punti vendita non uniscono le forze?”

Affermazioni in parte condivisibili, in parte no. Ecco la parte no.

Il web si è già preso molto prodotto, e quello non torna più indietro: gli short break nelle capitali europee, il fine settimana in Liguria, il fly & drive nel sud Italia sono prodotti scomparsi dagli scaffali delle agenzie, per sempre. Certo, c’è l’eccezione Nicolaus Tour, ma appunto, conferma la regola: il catalogo Mare Italia è roba dell’altro secolo.

Vero, 10.000 agenzie sono troppe (ma intanto quelle che vendono leisure sono 2.000 di meno), ma chi deve stabilire chi chiude e chi no? Uno, uno solo: il mercato. Chi è bravo resta in piedi, chi è scarso molla. Non è mettendo insieme 5 o 6 agenzie (quali? due scarse e quattro brave? tre e tre? un fuoriclasse, due sufficienti, due scarse, una ciofeca?) che si risolve il problema.

Non è il web che va aggredito, ma il cliente finale. Ho già raccontato poche settimane fa che gli italiani fanno il ponte e le agenzie se ne infischiano bellamente. E proprio Dante Colitta, ad agosto 2013, aveva giustamente sottolineato l’infingardaggine di tante agenzie che - in piena emergenza Egitto - erano a mollo al mare, altro che a lavorare...

Conclusione, liquide o solide, unite o separate, la regola è sempre quella: lavori? bravo! non lavori? a zappare la terra!


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori