Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

Perché sono stati scelti (proprio) Testi, Peroglio Longhin e Pellegrino

19/05/2014
15:47

Sergio Testi al comando di Best Tours Italia, Alberto Peroglio Longhin al vertice di Bluvacanze, Mimmo Pellegrino appena insediatosi in Valtur. Perché i rispettivi proprietari (Alessandro Rosso, Msc e Unicredit, Franjo Ljuljdjuraj) hanno scelto proprio questi tre manager per rilanciare le rispettive aziende? Cercherò di individuare tre motivi principali, che accomunano Testi, Peroglio Longhin e Pellegrino.

Primo, perché tutti e tre hanno navigato in mari tempestosi. I trent’anni di Testi in Alpitour, le dismissioni Parmatour e Parma Calcio per Peroglio Longhin, lo start-up di Msc Crociere per Pellegrino sono medaglie appuntate al petto. Crisi improvvise, fusioni e acquisizioni, abbandoni eccellenti e incidenti di percorso hanno reso i tre manager resilienti, ancor più che resistenti. E – non a caso – le tre aziende che sono chiamati a riportare in rotta sono reduci da periodi non particolarmente tranquilli.

Secondo, perché sono multi-task. Testi è più commerciale o prodotto? Peroglio Longhin è più esperto di tour operating o di reti? Pellegrino è più uomo da front-office o da back-office? Tutti e due, per tutti e tre. Sanno comandare una squadra di venditori, impostare una campagna di marketing, rigenerare un prodotto in sofferenza, picchiare (metaforicamente…) un fornitore. Forse, non avendo più trent’anni, non sono nativi digitali, e su eCommerce e social avranno bisogno di un aiutino.

Terzo, perché ci devono mettere la faccia. Succede in politica, succede nel calcio, ora anche nel turismo. I partiti, le squadre di calcio e ora pure le imprese turistiche sono sempre più rappresentate dai proprietari e/o dai top manager. Che sono chiamati a comandare, ma anche (o soprattutto?) a comunicare. Innanzitutto i valori dell’azienda, poi gli obiettivi, i risultati, i fatti del giorno. Certo, né Testi né Peroglio Longhin né Pellegrino saranno chiamati da Bruno Vespa a Porta a Porta, almeno nell’immediato. E il public speaking, per loro, non ha più segreti. Ma - in via del tutto scaramantica, Mimmo è napoletano… -  dotarsi fin d’ora di un bel manuale di Crisis Management non sarebbe una cattiva idea.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori