Whatsup

Roberto Gentile, editore, blogger, consulente, head-hunter

Perché Intesa Sanpaolo, Investindustrial, Tamburi e Coop fanno bene al sistema turistico italiano

18/04/2017
11:12
 

La prima è stata Intesa Sanpaolo, che a febbraio 2016 lanciava Destination Italia, joint-venture con lastminute.com di Fabio Cannavale e con l’a.d. Marco Ficarra.

Poche settimane dopo, Investindustrial di Andrea Bonomi rilevava Valtur dalla deficitaria gestione di Franjo Ljuljdjuraj. Recente è l’ingresso della TIP di Giovanni Tamburi nell’azionariato di Alpitour. Praticamente l’altro ieri Coop Alleanza 3.0, la più grande cooperativa di consumo in Italia, ha battezzato la “nuova” Robintur.

Destination Italia a parte, delle tre operazioni si sanno le cifre: oltre 100 milioni di euro l’investimento complessivo di Investindustrial, secondo il presidente Valtur Carlo Gagliardi; 120 milioni la sottoscrizione di capitale Alpitour garantita da Tamburi; 6 milioni stanziati da Coop Alleanza 3.0 per il piano industriale di Robintur. Soldi veri, magari diluiti nel tempo e in parte disponibili solo al verificarsi di certe condizioni, ma comunque denaro fresco. Messo da investitori che hanno dimostrato di credere all’incoming (Destination Italia), alla villaggistica e all’immobiliare (Valtur), al tour operating (Alpitour) e alle agenzie di viaggi (Robintur). Non è da tutti, e non era mai successo prima.

Ecco tre motivi per essere contenti che queste operazioni si siano realizzate. E sperare che abbiano successo.

Primo, la filiera tradizionale (destinazione / hotel / tour operator / agenzie di viaggi) non è così moribonda come si credeva. Disintermediata e succube di accadimenti esterni (vedi Egitto), ma resiliente e in grado di rinnovarsi, perché il turismo continua a crescere, nonostante tutto. Ci sono sempre più stranieri in Italia, ma anche più italiani che considerano il viaggio qualcosa cui non rinunciare, crisi o non crisi. S’investe sui mercati in crescita, non su quelli in declino.

Secondo, quando un investitore mette i soldi in un nuovo business, bisogna che certi parametri finanziari siano rispettati: di solito si applica un moltiplicatore dell’Ebitda, ovvero – detto in parole povere – si considera l’utile che risulta a bilancio di una società, lo si moltiplica “n” volte e si ottiene il valore complessivo. Per “pesare” un t.o. o una catena alberghiera i moltiplicatori sono abbastanza semplici da stabilire. Questo agli investitori piace. Valutare una Ota, ad esempio, è molto più complicato (e rischioso).

Terzo, il turismo ha sempre appeal, molto più di comparti industriali tradizionali. Quanto sono stati inseguiti Gabriele Burgio e Carlo Gagliardi, dai media di settore e non, in questi ultimi mesi? Fossero stati i presidenti di un colosso della logistica o di un’impresa di trasporti, chi se ne sarebbe accorto? Il turismo è smart, piace alla stampa ed è in grado di creare personal branding. In tempi social, non è cosa da sottovalutare.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori