Diritto al Turismo

Gianluca Rossoni, avvocato - professore di legislazione del turismo

Il rompicapo comunitario dei servizi turistici collegati

10/04/2017
11:19
 

La Direttiva (UE) 2015/2302 relativa ai pacchetti turistici e ai servizi turistici collegati (da recepirsi nell'ordinamento italiano entro il 1 gennaio 2018 mediante apposito decreto legislativo – la cui bozza fornita da parte del Mibact si spera sia accessibile a breve - con successiva entrata in vigore dal 1 luglio 2018), prevede fra le altre disposizioni, espressamente l'inserimento di una nuova tipologia di viaggio: i servizi turistici collegati.

Con tale espressione la direttiva intende almeno due tipi di servizi acquistati ai fini della stessa vacanza (in tutti i casi che non possano essere considerati pacchetti, nell'amplissima nozione che la medesima direttiva definisce questi ultimi) e che comportano la conclusione di contratti distinti con i singoli fornitori di servizi turistici.

Affinché il professionista (il trader, non necessariamente un agente di viaggio, v. il post del 7 novembre 2016) che agevola tali contratti non ricada nella responsabilità nell'esecuzione del viaggio come previsto per i pacchetti, ma sia obbligato solo alla protezione in caso d'insolvenza, è necessario che il cliente finale selezioni distintamente e paghi distintamente ogni singolo servizio turistico; in caso di dubbio o tentativi di simulare la vendita di un servizio turistico collegato in luogo di un pacchetto vero e proprio, la norma lascia intendere che, a tutela del consumatore, il professionista che agevola sarà considerato un organizzatore di viaggi.  

L'altra modalità con la quale si configura il servizio turistico collegato è quando si ha un acquisto mirato di un servizio aggiuntivo presso un altro professionista, indirizzato al cliente dal primo professionista, entro 24 ore dal primo acquisto, purché tra i due trader non vi sia stata la trasmissione del nome del cliente, gli estremi del pagamento e l'indirizzo di posta elettronica. In tale ultimo caso, i servizi forniti “click through” saranno direttamente considerati un pacchetto turistico.

Rilevante, inoltre, che non sono servizi turistici collegati e neppure pacchetti quelle combinazioni di determinati servizi dei quali uno dei due non rappresenti una porzione significativa del valore combinato dei servizi o non costituisca o non siano pubblicizzato come elemento essenziale.

In definitiva, un bel rompicapo giuridico, che si spera potrà essere sciolto dal Mibact, anche attraverso tabelle esplicative e simulazione di casi.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori