Alitalia, piano pronto: resta l'incognita sui capitali

10/03/2017
17:28
Leggi anche: Alitalia

Un piano definito ‘serio e realistico’. Queste le parole che il cda di Alitalia ha usato per inquadrare il progetto di rilancio preparato dall’amministratore delegato Cramer Ball, e verificato dall’advisor Roland Berger. È quanto riporta una nota stampa diffusa ieri sera dalla compagnia aerea, a seguito della riunione dei vertici Az che si è svolta nel pomeriggio: il cda si è detto “in linea con gli obiettivi del piano stesso – prosegue il documento – aprendo al strada a una finale approvazione attesa per la prossima settimana”.

Pubblicità

Il più sembrerebbe fatto, dunque, anche se le incognite ancora senza risposta non sono finite.

L'incognita del rifinanziamento
Il punto su cui i soci ora dovranno discutere sono le risorse da cui attingere per attuare questo piano ‘serio e realistico’: le settimane passano e la deadline di fine mese, termine entro cui la liquidità di cassa è data in esaurimento, si avvicina.

Il cda di ieri, stando a quanto riporta stamani Il Sole 24 Ore, sembra sia stato piuttosto vivace, con i soci, banche in primis, in disaccordo sulle risorse da iniettare nelle casse del vettore.

Il progetto richiederebbe circa 900 milioni di euro, ripartiti in 450 milioni immessi dai soci italiani e altrettanti immessi invece da Etihad. Queste cifre riguarderebbero, però, solo i capitali freschi, poiché altra parte del rifinanziamento dovrebbe derivare dalla conversione di crediti bancari preesistenti: 180 milioni derivanti dalle linee sbloccate dalle banche nei mesi passati e una possibile riconversione del bond da 300 milioni detenuto da Generali, che però sembra non intenda rischiare l’operazione.

Altro punto ancora in attesa di definizione, la nomina di Luigi Gubitosi a presidente operativo al posto di Luca Cordero di Montezemolo, con conferma attesa per i prossimi giorni.

Leggi anche: Alitalia

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook