Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

A che cosa servono le fiere di settore (da TTG Incontri a Bit)

21/10/2013
16:42

Molti colleghi erano a Rimini, nei giorni scorsi, per quello che è rimasto uno dei pochi appuntamenti della comunità turistica italiana ai quali conviene dedicare una trasferta. Perché le fiere di settore sono cambiate radicalmente, negli ultimi anni: oggi sono molto diverse da ieri e chissà come saranno domani.

Cominciamo allora a stabilire cosa NON sono più. Innanzitutto, non sono più fatte per il consumatore finale. Consumatore che non è mai entrato al TTG Incontri, che alla Bmt di Napoli fa una sporadica apparizione l’ultimo giorno, che alla Bit 2014 - per la prima volta, da decenni - non potrà più accedere. Solo b2b, quindi, perché il b2c è definitivamente migrato on line.

Non sono più luoghi dove si fanno affari. Una volta i rappresentanti di t.o. e compagnie aeree, o di ricettivisti e di tour organizer, s’incontravano in stand, si chiudevano nelle salette riservate, fumavano come turchi (allora si poteva...) e il contratto era bello che concluso, anche con una stretta di mano. Oggi - se non ci sono avvocati e commercialisti a tassametro - non si va da nessuna parte, e i contratti si chiudono in città, con timbri e firme autenticate.

Non si distribuiscono più cataloghi. Al tema ho già dedicato un post: il concetto che il catalogo è morto, ora c’è il foglietto o l’email, vale oggi ancor più di un anno fa.

In fiera, adesso, gli addetti ai lavori vanno per due motivi. Primo, per vedere chi c’è e chi non c’è. Chi c’è, perché significa che c’è ancora, quindi per capire perché, quali progetti abbia e - soprattutto - come sia possibile ricavarne qualcosa. Chi non c’è, per (s)parlare nei corridoi del motivo per il quale non ci sia, se è cosa temporanea o definitiva, e soprattutto che fine abbia fatto quel collega o quell’altro.

Secondo, per imparare qualcosa. Di nuovo, di originale e - possibilmente - di profittevole. Convegni, conferenze stampa, seminari: tutta roba utile per capire dove va il mondo. “Content is king” dicono quelli del marketing. A Rimini si è visto, al Wtm di Londra ne avremo conferma, speriamo di ritrovarlo anche nella “nuova” Bit 2014.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori