Lindbergh, arriva il nuovo ceo: Cristiano Zucchiatti guiderà la riorganizzazione

06/05/2022
19:29
 

Inizia una nuova fase per Lindbergh Hotels&Resorts. La creatura del fondatore di Eden Viaggi Nardo Filippetti ha scelto Cristiano Zucchiatti (nella foto) per la poltrona di ceo e si prepara alla riorganizzazione del gruppo, guardando soprattutto al mercato lusso.

Pubblicità

Il processo inizia dopo un investimento di 20 milioni di euro per l’acquisto e la ristrutturazione di 2 alberghi che si vanno ad aggiungere ai 7 hotel già in portfolio.

In epoca pre-pandemica, Lindbergh era arrivato a fatturare oltre 23 milioni di euro l’anno. Dopo gli ultimi due anni, durissimi per tutto il turismo, i risultati nel 2022 stanno vedendo una netta inversione di tendenza, con un +50% rispetto al 2020.

I piani
La strategia del gruppo ora si muove sul segmento luxury. "Vorrei inserire nel gruppo figure essenziali che unendosi a quelle già presenti all'interno dell'azienda possano contribuire a creare quel team giusto per andare avanti insieme aprendoci a nuove opportunità di business di alto livello anche di carattere internazionale” afferma  Zucchiatti. Che aggiunge: “Vedo grosse opportunità nel settore del lusso perché penso che al termine di questo periodo complesso il turismo di alta fascia riprenderà a crescere più forte di prima e ad offrire opportunità di business. Penso a boutique hotel o comunque a strutture 5 stelle”.

Un esempio che porta il nuovo ceo è quello di Roma, “dove, nel giro di qualche anno arriveranno tanti marchi del lusso e quello della Capitale è un mercato appetibile anche per noi così come quello della Costiera Amalfitana, di Capri, Firenze, Milano, la Puglia. Credo che ci saranno più opportunità nelle grandi città perché ti permettono di lavorare per tutto l’anno”.

La strategia del gruppo, aggiunge Lindbergh in un comunicato, si muove dunque su un doppio binario: il lusso dei boutique hotel e dei 5 stelle da un lato, il lusso accessibile dall’altro. Questo secondo segmento sarà sviluppato con una nuova linea di strutture ricettive che partirà da Rimini, dove è stato acquisto il Naiade a Marina centro.

Per quanto riguarda l’estate, il presidente Nardo Filippetti precisa: “Quella che abbiamo davanti sarà un'altra stagione di passaggio. A gennaio eravamo partiti molto bene con tante richieste alle nostre strutture e questo lasciava presagire un graduale ritorno alla normalità ed invece il conflitto in Ucraina ha stravolto il quadro e c’è stata una flessione spaventosa. Sarà un'altra stagione senza programmazione, con prenotazione sotto data. Credo che gli italiani sceglieranno una vacanza di prossimità sia perché l'Italia è bellissima con tanti posti meravigliosi da visitare sia perché in una fase come questa c’è minore voglia di viaggiare all’estero e lasciare il proprio paese”.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook