Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

Ancora telefono e riunioni?! Siete vecchi! Vecchi e superati!!

26/11/2012
16:19
 



Fiorello è un grande (anche grazie alla sua storica militanza in Valtur) e indimenticabile la sua gag sul fotografo Oliviero Toscani: a Baldini che gli chiede quali progetti abbia in mente, Fiorello / Toscani risponde con sdegno “Siete vecchi! Siete vecchi e superati!! Come la mia Milano, vecchia e superata, io me ne sono andato via trent’anni fa!” (ascoltalo su Viva Radio2).

Di vecchio e superato c’è tanto, nel nostro settore, ma due cose darebbero particolarmente fastidio allo spocchioso Fiorello / Toscani: le riunioni e le telefonate. Mi spiego, è impossibile lavorare senza vedersi e senza parlarsi, ma è insopportabile il modo vecchio e superato di gestire le une e le altre. Perché Internet ha cambiato tutto, anche in questi casi.

A far male una riunione ci vuol poco. Nessun ordine del giorno, oppure tre punti in croce, dei quali il terzo - il famigerato “varie ed eventuali” - porta via due terzi del tempo e include temi dei quali non si sarebbe dovuto parlare. La puntualità è un’opzione, e chi arriva tardi (senza scusarsi, spesso...) o non capisce nulla, oppure bisogna raccontargli tutto da capo e perdere ancora tempo.

Di solito, metà dei presenti guarda le slide e porge attenzione (magari deve, parla il capo...), l’altra metà smanetta sul blackberry, ma con atteggiamento corrucciato, perché i colleghi pensino “poverino, era tutto contento di partecipare a questa riunione, adesso l’ha chiamato quel rompiscatole di James Bond e tocca a lui spiegare a 007 come salvare il mondo dalla Spectre...”. Poi ci sono quelli che parlano, ascoltano con sufficienza il relatore che li segue, poi vanno via per “improrogabili impegni” e alle domande dei presenti fanno rispondere il gioppino di turno. E c’è chi prende la parola, crede di essere finito a Ballarò e non la molla a forza di “Io ti ho ascoltato senza interromperti, ora tu mi lasci parlare!!”. In aziende più illuminate delle nostre non funziona così: c’è un OdG, ognuno arriva preparato, al telefono non si risponde e i tempi sono rispettati al minuto.

Altra storia il telefono. Ho partecipato a incontri di 20 minuti nei quali la controparte ha risposto al cellulare tre o quattro volte, ogni volta scusandosi (bravo), ogni volta con l’espressione “chi è che mi disturba mentre sto lavorando, mannaggia!”: prima per rassicurare il collega che gli chiede se ha ricevuto l’email (eh, si sa, le email si perdono...); poi con la moglie per stabilire chi deve andare a prendere il pupo a scuola; quindi per rispondere a un telefono sconosciuto (“scusa, chi diavolo è?! magari è importante...”) che finisce con “Guardi, mi scusi, sono preso, sì, ho visto X Factor ieri sera, ma non ho una posizione precisa sulla querelle tra Simona Ventura e Arisa, se può richiamarmi tra 10 minuti...”. Su dieci telefonate che i risponditori compulsivi ricevono, siamo tutti d’accordo che otto sono inutili e due potevano essere rimandate. Però, se chiama 007 con un numero mascherato...

Internet ha cambiato il mondo, e email chat messenger sms whatsup facebook & C. hanno reso tutto quanto sopra terribilmente vecchio. Vecchio e superato.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori