Protagonisti per un giorno: "Febbre da agenzia"

di Lino vuotto
08/03/2010
10:01

Debutta sul numero del giornale in distribuzione e online a partire da oggi la nuova rubrica di TTG Italia dedicata al popolo dei dettaglianti. Racconti di vita in agenzia, ricordi e retroscena narrati dai protagonisti del mercato. Per inaugurare questo nuovo appuntamento una piazza importante come quella di Napoli e a raccontare il mercato visto da dietro il banco dell'agenzia c'è Stefano Bianco, direttore tecnico della Misterwhite Travel.



Febbre da agenzia


Si definisce 'figlio d'arte' e, come ammette lui stesso, ha imparato a conoscere l'odore della carta dei cataloghi fin da bambino. "Da quando mio padre, direttore della Cwt di Napoli, tornava a casa con il materiale dei t.o.", ricorda Stefano Bianco, 37 anni, direttore tecnico di Misterwhite Travel a Napoli.

Pubblicità

Dunque suo padre le ha attaccato la febbre...
Una febbre che non va più via. Lavoro in agenzia da 16 anni.

Qual è l'aspetto migliore del suo lavoro?
Potrei dire che è viaggiare, ma non è così. La cosa più bella è conoscere il mondo attraverso le persone che si incontrano.

E l'aspetto peggiore?
Il confrontarsi con la poca voglia di fare di molti colleghi.

Definisca internet in una sola parola.
Dinamico.

E le low cost?
Apparentemente aggressive.

Solo apparentemente?
La loro politica aiuta solo i pochi che possono programmare con largo anticipo. Se compro un biglietto 20 giorni prima della partenza, non è così economico.

Ha ancora un senso la biglietteria aerea?
È un servizio che non bisogna abbandonare.

E per la redditività dell'adv è ancora valido?
La redditività della fee è pari o superiore a quella delle commissioni di 10 anni fa.

Qual è la sua agenda di oggi?
Ho un appuntamento alle 15,30 con una coppia di clienti. Stamattina, invece, mi devo occupare di alcuni preventivi per l'estate.

Questo vuol dire...
...che stiamo già lavorando per agosto e che il prenota prima dei t.o. funziona.

Concorda sul fatto che si facciano troppi preventivi?
Stiamo lavorando molto su questo aspetto. Classifichiamo i preventivi in entrata e, se non vengono concretizzati, ci chiediamo il perché. Il preventivo in adv oggi è ancora molto 'preistorico'.

Possibili soluzioni?
Ad esempio, i mobilifici non danno il preventivo in mano al cliente prima della conferma dell'ordine. Questo potrebbe essere uno spunto.

zucco@ttgitalia.com




TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook