"Alberghi pressati dalle Ota": lo studio Hotrec sull'Europa

29/07/2020
13:41
 

Il nuovo studio condotto da Hotrec sul mercato europeo della distribuzione alberghiera mostra che il ruolo delle Ota nelle prenotazioni è cresciuto tra il 2013 e il 2019. L’indagine, realizzata con l’Università di scienze applicate della Svizzera occidentale Vallese e basata sull’osservazione di circa 2800 hotel in Europa prima dello scoppio della pandemia da Covid-19, mostra che tra il 2013 e il 2019 la quota di mercato degli intermediari di viaggio online è costantemente aumentata nel settore alberghiero dal 19,7% nel 2013 al 29,9% nel 2019, mentre la percentuale di prenotazioni dirette è diminuita di circa 10 punti percentuali.

Pubblicità

“Il dominio di mercato esercitato da queste tre società crea una forte dipendenza e disaccordi per gli hotel – osserva Hotrec -. La maggior parte degli albergatori (56%) si sente sotto pressione per accettare i termini e le condizioni imposti dalle piattaforme online, in particolare sulla politica di cancellazione e di sconti speciali. Quasi il 60% degli hotel era in disaccordo con le Ota”.

Fondamentale, si legge su Hotelmag, secondo Markus Luthe, presidente del gruppo di lavoro sulla distribuzione di Hotrec e ceo della German Hotel Association, è che le condizioni del mercato diventino più equilibrate, con la libertà di ogni singolo albergatore di stabilire liberamente le proprie condizioni per i propri servizi e di essere in grado di negoziare in modo equo le condizioni contrattuali con ogni partner della distribuzione. “L’entrata in vigore della Platform to Business Regulation è fonte di ottimismo per gli albergatori – ha aggiunto Luthe -. E per i consumatori c’è molto da guadagnare prenotando direttamente con l’albergatore, soprattutto in tempi come questi. Ecco perché Hotrec incoraggia attivamente gli ospiti a prenotare direttamente gli hotel”.

La nuova normativa Platform to Business è entrata in vigore a metà con un atto legislativo dell’Ue, portando maggiore trasparenza ed equità nelle relazioni tra alberghi e Ota.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook