Roaming marittimo: la stangata per i turisti
in viaggio sui traghetti

10/08/2020
09:33
 

Si chiama ‘roaming marittimo’ e può costare davvero caro ai vacanzieri, anche a quelli che rimangono all’interno dei confini nazionali. Appena ci si allontana di 5 miglia marine dalla costa, infatti, anche all’interno del territorio italiano, non ci si collega più alla rete telefonica ma a quelle satellitare.  

Pubblicità

Con una stangata quasi certa agli inconsapevoli passeggeri di navi e traghetti.

Non esistono infatti dei massimali tariffari. Ogni operatore può applicare i costi che vuole e quando il telefono si collega parte la tariffazione: un sistema che crea una lunghissima serie di reclami e vertenze, a cui l’Antitrust deve rispondere.

Per salvarsi da questa stangata, il cliente non ha molte alternative: o spegne il cellulare per tutta la durata del viaggio, o imposta la modalità aereo o disattiva il roaming sul proprio telefono, accontentandosi di ricevere chiamate e messaggi solo una volta raggiunta la destinazione finale.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook