Whatsup

Roberto Gentile,
blogger, editore, esperto di retail turistico, community-manager, head-hunter

Viva le donne (a parole)

09/07/2012
08:52

Tutti sanno che la maggioranza di chi lavora in agenzia è femminile. Così come è prevalentemente femminile la forza lavoro di reparti come il booking o la programmazione o il customer care dei tour operator.
In occasione di educational o eventi di settore, le donne sono invariabilmente più numerose degli uomini.

Ne consegue che, essendoci tante donne alla base, dovrebbero esserci tante donne al comando.
E invece no. Perché il vertice del turismo organizzato italiano è, fortemente e storicamente, maschile e maschilista. Nei posti che contano, infatti, l’altra metà del cielo o non ci arriva per nulla, o per arrivarci deve dimostrare di avere più attributi dei maschi.

Qualche esempio. I vertici Astoi sono stati appena rinnovati, grazie all’elezione di Nardo Filippetti: due vicepresidenti, undici consiglieri, sei tra revisori dei conti e probiviri. Tutti uomini. I primi venti network, per numero di agenzie, in Italia: dal leader Geo al ventesimo Mister Holiday, in posizioni di comando solo due donne (Antonella Ferrari di G40 e Laura Sandrini di Mister Holiday), il resto è in mano a decine (decine!) di manager e imprenditori uomini.
Un esempio in casa? Whatsup, il blog che state leggendo in questo momento, è scritto da un uomo, come uomini sono gli altri sette blogger della testata.

Certo, le eccezioni ci sono, e importanti. Al vertice di airberlin c’è Susanna Sciacovelli, Giovanna Manzi è il ceo di Best Western e l’head of industry travel di Google è Alhena Scardia, Francesca Benati è l’a.d. di lastminute.com, al comando di Transhotel c’è Maika Gonzales, Marina Cipriano è head of marketing & sales promotion Italy per Disneyland Paris, Diane Laschet è il boss di Air Plus Italy.
E chissà quante ne ho dimenticate. Ma ciò non toglie che in tutte (tutte!) le altre decine o centinaia di aziende turistiche italiane le donne occupino posizioni di rincalzo.

Perché ciò accade? E perché da noi, più che all’estero? Di motivi ne citiamo solo tre: perché l’ingresso delle donne nel mondo del lavoro è avvenuto molto più tardi da noi che in Germania o in Gran Bretagna. Perché solo in Italia quando una manager decide di avere un figlio, tre volte su quattro perde il ruolo. Perché anche il turismo italiano è 'macho', come la politica o l’industria.

Preoccupati dallo spettro delle quote rosa e vogliosi di essere politically correct, anche i maschi turistici gridano “Viva le donne!”. A parole.


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori